S. Teresa. Lavori notturni alla stazione Fs, l’Arpa sostiene che esiste un inquinamento acustico

S. TERESA DI RIVA – I livelli di inquinamento acustico sono superiore a quelli previsti dalla legge. E’ questo, in sintesi, il responso delle indagini tecniche espletate qualche settimana addietro dall’Arpa (l’agenzia che opera per la tutela, il controllo, il recupero dell’ambiente e per la prevenzione e promozione della salute collettiva) nella stazione ferroviaria di S. Teresa di Riva, dove da tempo Rfi sta eseguendo lavori che vengono svolti nelle ore notturne. La comunicazione dell’Arpa è arrivata ieri in Municipio e il sindaco Alberto Morabito si sta adesso attivando per risolvere il problema che crea notevoli disagi a decine di persone che abitano a ridosso dello scalo ferroviario. ”Come sospettavamo – ha detto il sindaco –  l’inquinamento acustico sfora i limiti imposti dalle normative. Adesso prenderemo tutte quelle iniziative che rientrano nei nostri compiti – ha aggiunto Morabito – per far cessare una situazione insopportabile. E siccome teniamo alla salute e tranquillità dei nostri cittadini sono pronto ad adottare provvedimenti anche drastici”. E’ giunto, quindi, il momento che in una maniera o un’altra, alla stazione ferroviaria si potrà continuare a lavorare solo tenendo conto delle legittime esigenze della gente. A sollecitare l’intervento dell’Arpa era stato lo stesso primo cittadino di  S. Teresa Riva, Morabito, perché i problemi derivanti dai lavori avevano causato una  situazione di grave disagio denunciata da numerosi cittadini  che lamentavano continui ed assordanti rumori che impediscono il diritto alla tranquillità e il riposo notturno. E ieri è arrivato il responso dell’Arpa che sostiene l’inosservanza del rispetto dei parametri consentiti dalla legge per quanto riguarda l’inquinamento acustico.

Leave a Response