S. Teresa. Parco suburbano in contrada Barone, avviata la progettazione preliminare

S. TERESA – La realizzazione di un parco suburbano in contrada Barone con il recupero della strada di accesso e dei ruderi abbandonati. Un progetto che dieci anni giaceva nei cassetti del Comune di S. Teresa di Riva e che adesso è stato finalmente tirato fuori dall’assessore al Patrimonio Carmelo Lombardo. Il rappresentante di “Futuro e Libertà” nella Giunta del sindaco Alberto Morabito ha incontrato i responsabili del Prusst Valdemone per riavviare l’iter e ha già ottenuto un primo importante risultato: l’assegnazione degli incarichi ad alcuni professionisti per la redazione del progetto preliminare. Ieri mattina si è svolto un primo sopralluogo. Lombardo era accompagnato dall’arch. Valentina Moro, dal geologo Claudio Vito Dilettoso, dall’ing. Francesco Giacobbbe, dall’agronomo Filippo Bertolo e dall’ing. Pier Luigi Campione. I professionisti incaricati avranno adesso sessanta giorni di tempo per redigere il progetto preliminare. “Poi – ha spiegato l’assessore Lombardo – ci attiveremo per il finanziamento. Stiamo già seguendo alcune strade e siamo ottimisti. Secondo una prima stima – ha proseguito Lombardo per realizzare il progetto sarà necessario un finanziamento di circa 3 milioni di euro”. Il piano prevede l’acquisizione dei terreni, attualmente appartenenti a privati, l’individuazione e la realizzazione di una strada d’accesso dal borgo di Giardino, la creazione di aree attrezzate e di sentieri naturalistici. Ma il vero punto di forza del parco sarebbe il recupero di una ventina di ruderi rimasti oggi in piedi dopo l’abbandono da parte dei residenti avvenuto intorno agli anni Sessanta. Un agglomerato realizzato alla fine dell’Ottocento, che sorge sulla sommità del bosco e da cui si gode un panorama straordinario. “Potremmo farne delle case-alloggio o zone espositive – ha aggiunto l’assessore Lombardo –, stiamo valutando ogni possibile soluzione per fare del recupero dei ruderi il fiore all’occhiello del nuovo parco”.

Leave a Response