La frana a Capo S. Alessio, politici mobilitati per sollecitare la riapertura della Statale

SANT’ALESSIO SICULO – Numerosi tra consiglieri provinciali (Francilia, Gugliotta, Muscarello e Lombardo), assessori provinciali (D’Agostino, Fichera e Monea), con in testa il presidende della Provincia, Ricevuto, amministratori comunali e sindaci (Armando Capo, Mandanici; Pippo Bartolotta, Roccafiorita; Fiorino Chillemi, vicesindaco di Forza d’Agrò; Mimmo Lo Lomanoco, Gallodoro; Bruno Parisi, Furci Siculo; Antonio Miceli, Itala; Rosanna Fichera, vicesindaco di S. Alessio; Gianni Miasi, Roccalumera; Alberto Morabito, S. Teresa; Gianni Mauro, Letojanni; Giovanni Foti, S. Alessio Siculo; Nino Gullotta, assessore Forza d’Agrtò; Nino Bartolotta, Savoca, Nino Lo Monaco, consigliere di S. Alessio; Giuseppe Cacciola, presidente Consiglio S. Alessio) di otto comuni della zona jonica del Messinese hanno dado vita questa mattina a Sant’Alessio Siculo ad una manifestazione di protesta per chiedere all’Anas la riapertura di un tratto della Strada Statale 114, all’altezza di Capo Sant’Alessio, interrotta da due settimane a causa di una frana dovuta al maltempo. L’interruzione – ha fatto notare il sindaco di S. Alessio, Giovanni Foti – non permette di accedere da Messina ad alcuni comuni dell’area ionica. Stesso problema, ovviamente, in direzione Catania-Messina. La gente così continua a subire numerosi disagi, ma nonostante le nostre sollecitazioni  alle istituzioni ancora l’Anas non ha definito i tempi per un intervento risolutivo”. La scorsa notte, intanto, un’altra frana ha interessato Capo S. Alessio. I tempi di riapertura dell’importante strada si conoscerenno lunedì a conclusione di un tavolo tecnico tra l’Ansas e gli amministratori interessati. A quanto si è dato sapere ci vorranno dei mesi per mettere in sicurezza il costone che sovrasta la statale ma il primo cittadino di S. Alessio Siculo in attesa della definizione del problema ha avanzato all’Anas la proposta di consentire il transito su una sola corsia. Una qualsiasi soluzione va presa, comunque, i tempi brevi anche perché il 15 maggio quel tratto di strada sarà interessato al passaggio del Giro ciclisto d’Italia.

Leave a Response