Taormina. Trovato impiccato ad un albero l’imprenditore Russo di cui si erano perse le tracce il 24 marzo

TAORMINA. E’ finita nel peggiore dei modi la vicenda dell’imprenditore edile taorminese Maurizio Russo, 41 anni, di cui si erano perse le tracce lo scorso 24 marzo. Il corpo esanime è stato rinvenuto, impiccato ad un albero di ulivo, a Randazzo (contrada Pirao) in provincia di Catania. Ad accorgersi del cadavere, il proprietario di un terreno adiacente. La macchina dell’imprenditore era parcheggiata poco distante. La “foto” apparsa agli occhi degli inquirenti è quella di un suicidio. I carabinieri hanno avviato le indagini, per capire cosa realmente sia accaduto.

Leave a Response