S. Teresa. Stop a “bancarella selvaggia”, nuovo regolamento per i festeggiamenti religiosi

S. TERESA – Niente più caos in occasione dei festeggiamenti in onore della Madonna del Carmelo, patrona della cittadina jonica. Questa, almeno, è l’intenzione dell’Amministrazione comunale che ha varato un’ordinanza anti “bancarella selvaggia”. Il provvedimento, firmato dal direttore dell’Area Tributi e Sviluppo Economico, Rosaria Gambadoro, scaturisce dall’esigenza di rendere agevole la circolazione stradale e la partecipazione dei fedeli allo svolgimento della processione durante i giorni della festa (15 e 16 luglio). L’installazione di qualsiasi tipo di struttura di vendita dovrà essere fatta esclusivamente sulla via Regina Margherita, lato mare, e sulla via Fiorentino, nell’area espropriata dal Comune e prospiciente la via R. Margherita. Il tratto della stessa via antistante la chiesa Madonna del Carmelo dovrà essere lasciato sgombro fino a cinque metri di distanza dai limiti esterni dell’omonima piazza.  Inoltre, le autorizzazioni per l’occupazione del suolo pubblico verranno rilasciate secondo l’ordine di entrata all’ufficio protocollo e sino all’esaurimento dei posti disponibili. Gli stalli previsti sono 68 e ogni bancarella non potrà  superare una larghezza di 2 metri, mentre potrà avere una lunghezza variabile tra i 4 e i 10 metri. “E’ severamente fatto divieto – si legge nell’ordinanza – allacciarsi alla pubblica illuminazione, così come gettare rifiuti sul suolo pubblico”. Alla fine dei festeggiamenti gli ambulanti dovranno provvedere alla pulizia dell’area occupata, pena la perdita del deposito cauzionale, pari a 25 euro, che dovranno versare assieme alla richiesta di autorizzazione. Le istanze possono essere presentate sino al prossimo 30 aprile. L’ordinanza dispone inoltre il divieto per gli ambulanti di appendere, lungo il bordo esterno della struttura di vendita, capi di abbigliamento e quant’altro “possa costituire pericolo od ostacolare il transito”. Inoltre, durante il passaggio del fercolo sarà severamente vietato effettuare la vendita della merce esposta e disturbare con suoni e sirene. Al Comando di Polizia Municipale toccherà far rispettare il nuovo regolamento.

Leave a Response