Alì Terme. La beffa, dopo l’ok per lo svincolo autostradale adesso non ci sono i soldi per realizzarlo!

ALI’ TERME – Per la costruzione dello svincolo di Alì Terme mancano i fondi. Anzi no. Da giorni si rincorrono sui giornali locali notizie che tolgono, ancora una volta, la speranza di rilancio turistico del comprensorio jonico. Dello svincolo autostradale di Alì terme si parla ormai da un ventennio. Ma ieri sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il via libera dal ministero dell’Ambiente per la realizzazione dell’opera. Dopo la  sottoscrizione a Roma nell’ottobre del 2010 del decreto di compatibilità ambientale l’iter burocratico sembrava essersi concluso. E’ del marzo scorso il  parere positivo del Ministero dell’Ambiente sulla compatibilità ambientale del progetto. Tutto sembra pronto insomma. Salvo poi parlare dei fondi necessari per la realizzazione dell’imponente opera che sarà realizzato sul torrente Nisi, sulla sponsa destra, in territorio di Alì Terme. Che ahi noi sono un capitolo tutt’altro che secondario. Il costo per costruire l’ormai famoso svincolo autostradale è di 28,5 milioni di euro e poiché – come ha detto tempo addietro il sindaco di Fiumedinisi Cateno De Luca – si tratta di una delle poche opere cantierabili che esistano attualmente nella nostra isola è stato chiesto alla Regione Sicilia di integrare le risorse finanziarie per la costruzione dell’opera, con un contributo di 13 milioni di euro. Questo l’importo chiesto al governatore Raffaele lombardo e che andrebbe ad integrarsi con i 15 milioni stanziati dall’Accordo di programma Quadro. Dunque effettivamente  mancano 13 milioni di euro. Come e soprattutto dove reperirli? L’unica speranza è l’Anas che potrebbe recuperare i soldi necessari allo svincolo dai fondi destinati ad opere che non sono state realizzate. O come detto, battere cassa alla Regione siciliana che però, va detto,non naviga in questo momento in buone acque. Intanto oggi il responsabile dell’ufficio tecnico del Cas, il geometra Magro è oggi in visita nella capitale al Ministero dell’Ambiente. Vediamo cosa succederà. Ma il Cas sostiene che per quanto riguarda lo svincolo di Alì Terme è iniata la fase di progettazione esecutiva. Evidentemente il fatto che manchino oltre 13 milioni di euro non preoccupa nessuno.  

Leave a Response