Rifiuti. L’assessore regionale Marino: “Stop a sprechi e inadempienze, tempi certi per le nuove società di raccolta”

PALERMO – Approvati con decreto dell’assessore regionale all’Energia e ai Servizi di pubblica utilita’, Giosue’ Marino, gli schemi di statuto e di atto costitutivo per la creazione delle Srr (Societa’ di regolamentazione di servizio raccolta), che si occuperanno della gestione dei rifiuti in Sicilia in sostituzione dei vecchi consorzi o societa’ d’ambito. Gli atti, predisposti dall’Ufficio legislativo e legale della Regione in collaborazione con il Dipartimento delle Acque e dei Rifiuti e gia’ trasmessi alle Province e ai Comuni dell’isola per l’adozione, contengono le principali norme organizzative delle nuove societa’ consortili. Entro 60 giorni dalla ricezione dei documenti approvati, i Comuni e le Province ricompresi in ciascun ambito territoriale ottimale dovranno approvare in consiglio lo statuto e l’atto costitutivo, nonche’ l’adesione, che e’ obbligatoria, alla societa’ consortile di capitali. Nei successivi 45 giorni si dovranno formalmente costituire le nuove societa’.
“Con l’adozione degli schemi di Statuto e atto costitutivo – ha spiegato l’assessore Marino – abbiamo attivato in via definitiva il procedimento che condurra’ all’avvio dei nuovi ambiti territoriali ottimali e alla costituzione delle nuove societa’. Un percorso di fondamentale importanza che introduce un nuovo modello nella gestione dei rifiuti in Sicilia e che si pone come obiettivi principali quelli di salvaguardare e migliorare la qualita’ dell’ambiente, proteggere la salute e garantire un utilizzo razionale ed efficiente delle risorse”. “Si e’ voluto intervenire – ha aggiunto Marino – per riordinare un settore caratterizzato da inefficienze, sprechi, inadempienze e oggetto di particolare attenzione da parte della criminalita’ organizzata”.

Leave a Response