Roccalumera. Liquidate all’Ato fatture del 2010 per 83mila euro

ROCCALUMERA – L’amministrazione comunale di Roccalumera sta mantenendo fede agli accordi stipulati per il pagamento delle fatture all’Ato rifiuti Messina 4, dovuto per l’anno 2010. Con determina del responsabile dell’Area tecnica, l’ente locale ha liquidato alla società d’ambito 83.342 euro e 33 centesimi. In virtù di quanto pattuito era necessario pagare le fatture del 12 ottobre e del 15 novembre 2010 pari a 49.594 euro e 88 centesimi, fra quelle non ancora pagate per il conferimento in discarica dei rifiuti solidi urbani. Inoltre, figurava un 30%, per un ammontare di 33.747 euro e 45 centesimi, di una fattura di ben 112.491 euro e 50 centesimi per servizi di igiene ambientale prestati nel quarto bimestre. Nei mesi scorsi, con decreto dell’assessorato regionale alle Autonomie locali e della funzione pubblica, era stato nominato presso il Comune di Roccalumera un commissario ad acta. Al funzionario, Giorgio D’Angelo, era stato affidato il compito specifico di adottare, previa ricognizione degli atti, in via sostitutiva, ogni provvedimento utile per giungere al versamento delle somme dovute dal Comune jonico all’Ambito territoriale ottimale per il 2010. Il 22 novembre scorso, l’ente locale aveva provveduto a pagare il 20% a saldo di tutte le fatture già liquidate all’80% per sette mesi, da gennaio a luglio. Poco più di un mese addietro, per la precisione il 16 febbraio scorso, è stata pagata una ulteriore fattura del 4 ottobre 2010, per un importo totale di 45.121 euro e 36 centesimi. Ma agli atti dell’ufficio tecnico comunale risultavano da pagare le altre fatture: del 12 ottobre, del 15 novembre 2010 e del 30% per i servizi di igiene ambientali prestati a luglio e agosto dello scorso anno. Per un ammontare complessivo di 83.342 euro e 33 centesimi. La somma che il Comune roccalumerese si appresta a liquidare e per la quale sono stati già adempiuti tutti gli atti burocratici attraverso la determina del capo dell’Area tecnica, con i necessari visti degli altri uffici contabili competenti.

Leave a Response