Messina, seminario e workshop sull’erosione delle coste

MESSINA – Un seminario ed un workshop sull’erosione delle coste, si svolgerà venerdì 11 e sabato 12 a palazzo Zanca. Stamani, nel corso di una conferenza stampa, l’assessore alle politiche del mare, Pippo Isgrò, ha presentato l’appuntamento che si aprirà venerdì 11, alle ore 15.30, con l’intervento del sindaco, on. Giuseppe Buzzanca. Sono previsti i contributi del Presidente della Provincia Regionale, Nanni Ricevuto; del preside della facoltà di ingegneria, prof. Signorino Galvagno; del direttore del dipartimento di ingegneria civile, prof. Giovanni Falsone; del prof. Enrico Foti, ordinario di ingegneria costiera dell’Università di Catania; del comandante della Capitaneria di Porto, c.v. Antonio Musolino; del presidente dell’ordine degli ingegneri di Messina, ing. Santi Trovato; del dirigente l’Ufficio Opere Marittime Sicilia-Palermo, Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, ing. Pietro Viviano e del dirigente l’Autorità Portuale di Messina, ing. Francesco Di Sarcina. Nel corso delle due giornate verranno affrontati i temi di attualità e di estrema importanza per lo sviluppo costiero della Città, che saranno analizzati dal prof. Amedeo Malandrino che interverrà su “Waterfroont: problematiche e risultati”; del prof. Giovanni Randazzo, che parlerà sul “Piano gestione coste della Sicilia”; dell’ing. Carla Faraci, su “ingegneria costiera e salvaguardia dei litorali”. Sabato 12, con inizio alle ore 9 sono previste le relazioni della dott.ssa Francesca Grosso e dell’ing. Giovanni Villari, su “Il PAI per la gestione e tutela delle aree costiere” e dell’avv. Ferdinando Croce su “Tutela delle coste e sdemanializzazione”. Seguirà a cura dell’ing. Edoardo Milio, la presentazione dei lavori dei partecipanti al primo workshop. La fascia costiera, area di confine tra la terra emersa e il mare, è un sistema articolato e altamente dinamico, il cui equilibrio è il risultato di complesse relazioni tra elementi morfologici, geologici, condizioni climatiche e meteo marine. La crescente densità antropica lungo i litorali, la progressiva espansione di attività connesse all’utilizzo delle risorse marine e costiere e, non ultima la regimentazione dei corsi d’acqua sono solo alcune delle cause che possono alterare tale delicato equilibrio naturale, portando spesso all’arretramento delle spiagge. Il Comune di Messina, con i suoi 60 chilometri di coste, di cui oltre 20 in stato di erosione, rappresenta un “laboratorio” ideale per analizzare e cercare di comprendere i fenomeni che conducono al manifestarsi dei processi erosivi, nonché per proporre delle soluzioni volte ad arginare il protrarsi dell’erosione costiera. Obiettivo del seminario è quello di accostare la ricerca applicata in ambito costiero e marittimo alle esigenze del territorio messinese, sviluppando la consapevolezza di intervenire per salvaguardare un patrimonio comune; inoltre un workshop, rivolto in particolar modo ai giovani che, a vario titolo, studiano le coste, si propone di rappresentare un appuntamento periodico per confrontare punti di vista differenti che possano convergere verso una effettiva gestione integrata della fascia costiera.

Leave a Response