Roccalumera. Depuratore consortile, appaltata la gestione

ROCCALUMERA – Sarà una ditta di S. Teresa di Riva a gestire dal prossimo marzo il servizio di conduzione, gestione e scarico della condotta fognaria sottomarina dell’impianto di depurazione consortile che serve i Comuni di Roccalumera, Furci Siculo e Pagliara. L’assegnazione degli interventi è avvenuta in seguito ad una trattativa privata con gara informale. Delle cinque offerte richieste dal Comune di Roccalumera, la più vantaggiosa prevedeva un ribasso del 7,20% su un importo netto di 42.314 euro e 48 centesimi, oltre l’Iva al 10% pari a 4.231 euro e 45 centesimi. La ditta vincitrice dovrà garantire il servizio, che riguarda anche l’impianto di sollevamento) per tutto l’anno in corso. L’appalto era scaduto il 12 ottobre dello scorso anno. Nove giorni dopo, con delibera di Giunta, è stato incaricato il responsabile dell’Ufficio tecnico comunale a provvedere all’affidamento, sempre alla stessa ditta, del servizio di conduzione e gestione dell’impianto di depurazione liquami per un arco di tempo massimo di tre mesi. Con determina dirigenziale del 30 novembre, è stato affidato il servizio “in parola” per due mesi. Con una ordinanza sindacale (la numero 61 del 2010) è stato quindi affidato, alla medesima ditta, il servizio sino al 12 gennaio scorso. Successivamente, con un nuovo provvedimento del primo cittadino, il servizio è stato prorogato, sempre alla ditta aggiudicataria fino al 12 gennaio, per 45 giorni, vale a dire sino al 28 febbraio, in attesa della gara che è stata espletata nei giorni scorsi. “Il ritardo della gara – ha spiegato il sindaco – è derivato dal succedersi di più dipendenti nella direzione dell’Ufficio tecnico comunale. Nelle more dell’espletamento era necessario e urgente – sottolinea il primo cittadino – assicurare la continuità del servizio di conduzione dell’impianto di depurazione al fine di scongiurare gravi problemi di natura igienico-sanitaria”. E in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale le ordinanze contingibili sono adottate, come avvenuto, dal primo cittadino.

Leave a Response