Messina. Sequestrati dalla Guardia di Finanza sette videogiochi illegali

MESSINA – I finanzieri della Compagnia di Messina, nel corso di una attività di prevenzione finalizzata alla scoperta di illeciti in materia di apparecchi e congegni da divertimento ed intrattenimento, hanno attuato una serie di controlli a “tappeto” nei principali bar e circoli ricreativi di Messina. In locali che detengono le famigerate “macchinette mangiasoldi e rovina famiglie”. L’intervento effettuato con lo scopo di tutelare il monopolio statale dei giochi dal fenomeno del gioco clandestino e irregolare ha consentito il sequestro amministrativo di 7 apparecchi per il mancato collegamento alla rete telematica ed alla constatazione di altre violazioni amministrative per complessivi 10mila euro. Infatti, per i responsabili degli  illeciti accertati sono previste pesanti sanzioni amministrative per ogni singolo videogioco. Tali episodi risultano molto gravi perché, da un lato logorano i bilanci familiari delle persone affette dalla famigerata “dipendenza da videogioco”, dall’altro non permettono il monitoraggio del corretto funzionamento dell’apparecchio, condizione legata al pericolo che lo stesso venga impostato tecnicamente in modo  tale da configurare il ben più grave gioco d’azzardo (con annessi fenomeni di dipendenza e di illiceità). Inoltre, ciò non consente il controllo a monte da parte dell’Erario delle relative vincite da gioco. Da segnalare il positivo rapporto di collaborazione instaurato da subito con gli Uffici locali dei Monopoli di Messina, Ente competente al controllo e monitoraggio del settore oltre che all’irrogazione delle sanzioni. 

Leave a Response