Messina. I metalmeccanici si mobilitano in vista dello sciopero del 28 gennaio

MESSINA – Dopo Pomigliano e Mirafiori, parte la mobilitazione dei metalmeccanici della Cgil, in preparazione dello sciopero del 28 gennaio per il lavoro e per contrastare l’attacco ai diritti e alla democrazia. Domani mattina a partire dalle 9.30, nel Saloncino della  Camera del Lavoro di Messina, la Fiom terrà un attivo dei delegati e degli attivisti metalmeccanici a cui hanno già assicurato la partecipazione rappresentanti delle altre categorie sindacali, degli studenti e dei disoccupati. Saranno inoltre presenti il segretario della Cgil Messina, Lillo Oceano, e la segretaria della Fiom Sicilia, Giovanna Marano. La riunione sarà occasione per puntualizzare le proposte della categoria in merito alla democrazia sindacale ed ai diritti di rappresentanza e di libera associazione, messi in discussione dall’accordo separato di Mirafiori e, già prima, dalle politiche governative tendenti a scardinare la legislazione sul lavoro. Ma verrà anche fatto il punto sulle numerose vertenze aperte sul territorio, che riguardano anche grandi gruppi nazionali ed europei, e sui pericoli per l’aggravarsi della crisi, con il rischio di definitiva chiusura di tante attività industriali nella nostra provincia.

Leave a Response