Scaletta. Spianata, con lavori… fai da te, la strada per il cimitero

SCALETTA – E’ stato aperto un varco nella strada che conduce al cimitero, chiusa con ordinanza sindacale dopo l’alluvione dell’1 ottobre 2009. Il transito era impedito da una montagna di terra. A stento si riusciva a passare a piedi. Nei giorni scorsi, invece, è passato anche un carro funebre per condurre all’ultima dimora un anziano defunto. Il morto precedente (era il dicembre del 2010), quando il corteo giunse davanti all’ostacolo, venne portato a spalla. L’ordinanza non è stata comunque revocata, la strada non l’ha spianata il Comune e il provvedimento del sindaco, Mario Briguglio, rimane perentorio: divieto di transito per pedoni e auto, in seguito ai rischi incombenti. I disagi sono da tempo notevoli. In particolare per i proprietari di un agriturismo e di una abitazione, irraggiungibili, che insistono in quell’area e per quanti intendono recarsi in visita dai propri defunti. Lo scorso 13 ottobre una frana peggiorò la situazione. Chi raggiunge il camposanto lo fa a proprio rischio e pericolo. Deve attraversare anche il torrente, quello che originò la catastrofe dell’1 ottobre, e percorrere 500 metri. Un’Odissea. Con il rischio, in caso di pioggia, di rimanere bloccati sulla sponda del camposanto. Non è dato sapere se la strada rimarrà spianata. L’unica cosa certa è che alla fine dell’anno passato il sindaco Briguglio ha chiesto un intervento urgente (occorrono svariati milioni di euro) considerato tra l’altro che in quella zona sorge anche il campo di calcio, indicato quale area di ammassamento in caso di emergenza. La delicata situazione, un mese addietro, è stata monitorata dai consulenti nominati dal presidente della Regione in seguito all’alluvione assassina. Si attende l’opera di messa in sicurezza.

Leave a Response