Messina. Riciclaggio, sequestrato dalla Gdf il terreno della villa “Forte Mandarino”

MESSINA – Il Gico della Guardia di Finanza di Messina ha sequestrato il terreno del valore commerciale valutato in circa 730mila euro, su cui insiste la faraonica villa denominata “ Forte mandarino”.
L’operazione nasce  a seguito di proposta di sequestro effettuata dal reparto antimafia delle Fiamme Gialle messinesi, coordinato dal sostituto procuratore della locale Dda, Fabio D’ Anna, con decreto di sequestro emesso dal Gip Maria Vermiglio.
Il terreno di oltre 1400 metri quadrati,  che domina lo stretto di Messina, è di proprietà della signora R.G., 64 anno, che lo aveva acquistato formalmente nell’anno 2003 per una somma di 600mila euro con regolare rogito notarile.
Gli investigatori, però, hanno appurato che la stessa non ha mai denunciato alcun reddito, avendo altresì dichiarato che le somme necessarie per l’acquisto del terreno provenivano interamente dal marito, che provvedeva al sostentamento di tutta la famiglia.
L’autorità giudiziaria inquirente ha così disposto il sequestro ravvisando un’ipotesi di riciclaggio nei confronti dell’apparente proprietaria, la quale avrebbe acquistato il fondo, con la consapevolezza della provenienza illecita del denaro, in modo tale da ostacolare l’accertamento della provenienza delle somme in questione e la natura illecita delle operazioni sottese all’erogazione delle suddette somme.
La donna sarebbe quindi soltanto apparentemente titolare del terreno sequestrato, mentre l’effettivo titolare dello stesso va identificato nel marito, l’avvocato Filippo Battaglia.

Leave a Response