Agricoltura, in Sicilia 13 milioni di euro per la biodiversità

PALERMO – Il Dipartimento interventi strutturali in gricoltura ha emanato un bando pubblico che finanzia progetti per il recupero, la conservazione e la diffusione di specie e varieta’ di piante coltivate in Sicilia e a rischio di estinzione. La consistente dotazione economica di 13 milioni di euro, e’ frutto delle risorse pubbliche a disposizione della Regione provenienti dal Programma per lo sviluppo rurale -Sicilia 2007-2013, misura 214/2 azione A, con l’obiettivo specifico di preservare il ricco e particolare patrimonio di biodiversita’ siciliana. Verranno sovvenzionati progetti per l’individuazione,la raccolta, la conservazione e la propagazione di ecotipi e varieta’ locali di specie agrarie.  I finanziamenti riguarderanno la costituzione di centri di raccolta del germoplasma, di piantagioni per la realizzazione sia di “campi collezione” sia di produzione di piante madri di specie autoctone rare o soggette a minaccia di scomparsa. La preservazione delle risorse genetiche regionali ha come obiettivo finale la diffusione sul territorio delle essenze vegetali a rischio di erosione. Pertanto, superata la fase di conservazione e riproduzione, saranno incentivate le azioni di reintroduzione delle varieta’ protette nelle aziende agricole della regione accompagnate con iniziative di informazione e consulenza. Inoltre i risultati ottenuti dovranno essere di pubblica consultazione attraverso l’inserimento in rete, realizzando banche dati e pubblicazioni su siti web. Il bando prevede un sistema di adesione in tre sottofasi annuali, distribuite nel triennio dal 2011 al 2013, durante la quali si potranno presentare le istanze nel periodo compreso tra il primo febbraio e il 29 aprile di ciascun anno. Le domande di sovvenzione andranno presentate, secondo le disposizioni emanate dall’Autorita’ di gestione consultabili sul sito istituzionale www.psrsicilia.it, da Enti o Istituti pubblici che svolgono attivita’ di conservazione di germoplasma autoctono e che istituzionalmente si occupano di programmi di divulgazione e conservazione della biodiversita’. L’importo finanziabile e’ del 100% dell’investimento e per singolo beneficiario non puo’ superare 500.000 euro. L’impegno al recupero e alla salvaguardia della variabilita’ delle specie agricole nasce dalla consapevolezza che la biodiversita’ siciliana e’ un bene pubblico costituito dall’eredita’ di un prezioso patrimonio genetico le cui proprieta’ salutiste sono molto ricercate dalle attuali tendenze affermatesi nella societa’ e nel mercato. L’incentivazione di produzioni di eccellenza serve sia a proteggere la tradizione culturale ed alimentare della Sicilia sia a creare nuovi spazi economici e di mercato da affiancare ad un comparto agricolo fortemente sorretto da logiche di globalizzazione.

Leave a Response