Messina. Sequestrati dalla GdF giochi pirotecnici illegali: c’è anche la “Finanziaria”, un petardo artigianale di 17 chili

MESSINA – I finanzieri della Compagnia di Messina, nel corso di attività di polizia economica finalizzate alla repressione del mercato illegale dei giochi pirotecnici, intensificate durante il periodo natalizio, hanno posto sotto sequestro 200 kg. di materiale pirotecnico, altamente pericoloso, contenuto in scatoloni rinvenuti all’interno di una autovettura di proprietà del 45enne messinese G.B. Particolare interesse, hanno destato alcuni pezzi denominati la “Finanziaria”, prodotti artigianali altamente detonanti del peso lordo di circa 17 kg ciascuno.
Al recupero del bottino illegale si è giunti effettuando ricognizioni nel territorio dell’intero Comune, intercettando un’autovettura il cui proprietario era intento a scaricare scatole di cartone recanti il simbolo “esplosivi”. I militari insospettiti dall’atteggiamento dell’uomo procedevano ad una immediata verifica del contenuto delle scatole, constatando la presenza di migliaia di giochi pirotecnici illegali, destinati alla vendita proprio in occasione dell’imminente festa di fine anno.
 Il materiale rinvenuto, altamente pericoloso, è stato sottoposto a sequestro  e, dopo la prevista campionatura, è stata affidato all’Ufficio del Nucleo Artificieri Iedd della Polizia di Stato di Messina, per la messa in sicurezza e la successiva distruzione.
L’uomo è stato denunciato a piede libero e segnalato alla Procura della Repubblica di Messina.
Gli uomini del Comando provinciale della Guardia di Finanza proseguiranno l’intensa attività di polizia economica e finanziaria preventiva e repressiva su tutto il territorio, per assicurare ai cittadini di trascorrere serenamente il periodo di festività.

Leave a Response