Colletta alimentare. A S. Teresa raccolti mille kg. di cibo per i poveri

S. TERESA – Anche nella cittadina jonica, grazie all’impegno di circa 50 volontari della parrocchia S. Famiglia, si è svolta la “Giornata nazionale della colletta alimentare”. Sono stati raccolti circa 1000 kg. di alimenti a lunga conservazione (come olio, omogeneizzati, alimenti per l’infanzia, tonno, carne, legumi in scatola, pelati e sughi, etc.) che saranno adesso distribuiti nelle strutture caritative convenzionate con la “Rete Banco Alimentare”. In tutta Italia hanno aderito 8.100 supermercati, due di questi nella cittadina jonica. A Messina sono stati raccolti 33.055 kg. di alimenti: 2.842 kg. in più dell’anno precedente. Complessivamente, nell’intera Provincia, stati donati 70.013 kg. di alimenti, ben 8.950 kg in più rispetto al 2009, segno evidente che nonostante la crisi economica la gente non ha perso di vista il senso di solidarietà.
“Vogliamo ringraziare – ha commentato Sebastiano Catalano, responsabile provinciale della “Giornata nazionale della colletta alimentare” – tutti coloro che hanno collaborato per la buona riuscita dell’iniziativa: le catene dei supermercati che hanno ospitato la Colletta alimentare, i 1500 volontari appartenenti per la maggior parte ad enti caritativi locali (mense per i poveri, comunità per minori, banchi di solidarietà, movimenti, aggregazioni religiose) e le imprese commerciali che hanno messo a disposizione uomini e mezzi. In un momento in cui confusione, incertezza e smarrimento, sembrano diventati lo stato d’animo più diffuso tra la gente, l’uomo – ha continuato Catalano – appare sempre più solo. Incontrare persone pronte a condividere gratuitamente questo dramma, risveglia il vero desiderio che è nel cuore di ciascuno: essere amato. Avere fatto la spesa per chi è più povero – ha concluso Catalano – è stata quindi occasione di un immediato e positivo cambiamento per sé e per la società. Nonostante il grave periodo di crisi economica, si è registrato un significativo aumento delle donazioni di generi alimentari”.

Leave a Response