Messina. Controllo dei territorio dei carabinieri: 2 arresti, 9 denunce, 13 segnalazioni all’Ag

MESSINA –  Due arresti, 9 denunce, 13 segnalazioni all’Ag, è il bilancio di alcuni  servizi del territorio eseguiti dai carabinieri a Messina e provincia in occasione del fine settimana. Nelle ultime 48 ore, i carabinieri della Compagnia di Messina Sud e quelli del Nucleo Radiomobile del Reparto operativo hanno effettuato alcuni servizi straordinari nel capoluogo finalizzati alla prevenzione ed al contrasto dei reati in genere nonché delle violazioni alle normative sulla circolazione stradale. A seguito dei servizi, effettuati sia nella tarda serata di venerdì che anche nella tarda serata di sabato, come noto generalmente caratterizzate da una maggiore di presenza di automobilisti e motociclisti nel territorio cittadino: in esecuzione di ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Messina, hanno arrestato Giovanni Saccà, 55 anni, 1955, nato Messina ed ivi residente, nullafacente, già sottoposto alla misura alternativa dell’affidamento in prova con obbligo firma. Il provvedimento trae origine da un’informativa inoltrata dall’Arma per reiterate violazioni al suddetto obbligo, recepita dall’A.G. che disponeva l’espiazione in carcere della residua pena di anni 1, mesi 1 e gg. 28 reclusione per furto aggravato. Il predetto, dopo le formalità di rito è stato associato alla Casa Circondariale di Messina Gazzi;
deferivano stato libertà:
una persona, perché sorpresa alla guida di autoveicolo senza patente di guida poiché mai conseguita;
due persone per guida in stato di ebbrezza, essendo stato accertato, mediante utilizzo etilometro, che le stesse, alla guida di autoveicoli diversi, presentavano un tasso alcolemico rispettivamente di 1,76g/l  e 1,33 g/l;
una persona per disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone, essendo stata sorpresa alla guida di autoveicolo con stereo ad alto volume. Nella circostanza veniva posto a sequestro l’impianto stereo, valente circa €.3.000,00;
una persona per falsità materiale in certificati amministrativi, per essere stata sorpresa alla guida di autoveicolo con certificato assicurativo contraffatto. Nella circostanza l’autoveicolo è stato sottoposto a sequestro poiché sprovvisto di assicurazione obbligatoria;
segnalavano alla Prefettura di Messina n. 9 persone quali assuntori di sostanze stupefacenti, sequestrando complessivamente 12,0 grammi marijuana.
Nel corso del medesimo servizio venivano controllate n. 48 persone agli arresti domiciliari, n. 272 automezzi e n. 346 persone. Nel corso del servizio venivano elevate n. 93 contravvenzioni al Codice della Strada, di cui 10 per violazione alla normativa sul casco e 12 per violazione alla normativa sulle cinture di sicurezza, per un importo complessivo di €. 9.497,00. Sono stati sequestrati n. 4 automezzi, ritirate n. 6 patenti di guida e una carta circolazione, sottratti n. 147 punti sulle patenti di guida, effettuate n. 10 perquisizioni personali. Nell’articolato servizio sono stati impiegati n. 26 militari e n. 13 automezzi.
I carabinieri della Compagnia di Milazzo, nell’ambito di un servizio straordinario di controllo del territorio, effettuato dai reparti dipendenti nelle aree di rispettiva competenza e finalizzato alla prevenzione e contrasto dei reati in genere, nonché delle violazioni alle normative sulla circolazione stradale, hanno tratto in arresto una persona ed hanno  segnalato in stato di libertà all’autorità giudiziaria 13 persone.
I Ccarabinieri della Stazione di Milazzo, hanno tratto in arresto, in esecuzione di ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto,Stefano Russo, 78 anni, nato e residente nel centro tirrenico, pensionato.
Secondo quanto emerso dal provvedimento custodiale, l’uomo deve espiare una pena residua di mesi 1 e giorni 27 di reclusione perché ritenuto responsabile del reato di estorsione commesso in Milazzo nel mese di marzo 1997. Stefano Russo, dopo le formalità di rito è stato tradotto presso l’abitazione in regime degli arresti domiciliari.
A seguito dello specifico servizio straordinario, i militari hanno denunciato in stato di libertà all’Autorità giudiziaria, perché sorpresi alla guida dei rispettivi veicoli in stato di ebbrezza alcolica, rilevata per mezzo dell’apparecchio etilometro in dotazione: una 22enne disoccupata di Milazzo, un 23 enne operaio di San Filippo del Mela, un 35enne cuoco di Torregrotta, una studentessa 27enne di Milazzo, un operaio 40enne di Barcellona Pozzo di Gotto, due operai, uno 27enne e l’altro 32enne di Barcellona Pozzo di Gotto. Nello stesso contesto operativo, i militari dell’Arma hanno altresì deferito a piede libero per guida senza patente, perché mai conseguita: un operaio 33enne residente a Valdina, uno studente 21enne di San Filippo del Mela, due studenti 17enni, un disoccupato 19enne di Gualtieri Sicaminò ed un disoccupato 21enne di Torregrotta. Durante il servizio sono state identificate 72 persone, sono stati controllati 48 veicoli e sono state rilevate 13 infrazioni al Codice della Strada, di cui 5 per violazioni alle normative sull’uso del casco e delle cinture.

Leave a Response