Gioiosa Marea. Atti persecutori e osceni contro una ragazza, ”stalker” 41enne arrestato

GIOIOSA MAREA (Messina) – Un 41enne, G.N., di Gioisa Marea è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di atti persecutori, atti osceni, violenza e resistenza a pubblico ufficiale. L’uomo, come accertato, perseguitava una ragazza con continue provocazioni di natura sessuale. Prima l’ha chiamata più volte al telefono sul lavoro, riferendole frasi irripetibili, poi addirittura ha iniziato a denudarsi ed a commettere atti osceni dinnanzi alla ragazza, in pubblico, lungo la strada ed in presenza anche di testimoni, mettendo in atto una vera e propria persecuzione a sfondo erotico, che aveva molto intimorito la vittima. Quest’ultima infatti ormai temeva anche di uscire sola da casa e non voleva più andare a lavoro. Ieri mattina, al ripetersi di un episodio di nudismo e di atti osceni in luogo pubblico, i carabinieri della stazione di Gioiosa Marea, che dopo la denuncia della vittima avevano documentato gli atti persecutori commessi dall’uomo negli ultimi giorni, sono quindi intervenuti e lo hanno colto in flagranza mentre si trovava completamente svestito. Al controllo dei militari, lo “stalker” è andato su tutte le furie e solo dopo una violenta colluttazione, nella quale i due carabinieri intervenuti hanno riportato traumi e contusioni varie giudicate guaribili in 8 e 15 giorni dai medici del pronto soccorso di Patti,  è stato bloccato e tratto in arresto. Il 41enne è stato trasferito nel carcere di Messina Gazzi. L’uomo, già in passato, aveva commesso reati simili ed infatti ha in corso altri procedimenti penali.

Leave a Response