Ato 4 rifiuti, Comuni jonici e dell’Alcantara debitori per oltre 10 milioni di euro

Ammontano ad oltre 10 milioni di euro i crediti che l’Ato 4 rifiuti vanta nei confronti di numerosi dei 32 Comuni che fanno parte della società d’ambito, dalla Valle dell’Alcantara all’hinterland jonico che si snoda da Giardini a Scaletta. Ben 9 milioni e 85mila euro, per l’esattezza, riguardano i servizi; 1 milioni e 238mila euro, invece, il conferimento in discarica. Da questa somma sono escluse le prestazioni per l’anno in corso. Con diversi Comuni sono state avviate delle transazioni (Francavilla, Gaggi, Giardini, Itala, Letojanni e Mojo Alcantara ). Con altri la situazione appare più delicata. E’ il caso di Nizza, dove al decreto ingiuntivo non è stata presentata nemmeno opposizione. Con Roccalumera, invece, si profila una causa. I debiti, nei due casi, ammontano a centinaia di migliaia di euro, dovuti per lo più per i servizi. Tra i Comuni debitori figura anche Scaletta. Il direttore generale dell’Ato, Arturo Vallone, intanto, continua ad inviare ai comuni debitori delle lettere. La situazione è comunque in evoluzione. Il responsabile del servizio di Savoca, ad esempio, il cui debito ammonta a poco meno di 70mila euro, ha fatto sapere  che si “provvederà a liquidare la somma residua dovuta all’Ato nel più breve tempo possibile, compatibilmente alla propria disponibilità di cassa ed alla liquidazione di tutti gli altri servizi essenziali alla collettività”.

 

Leave a Response