Messina. Alluvione 2009, il Consiglio dei ministri verso la proroga dello stato d’emergenza

Il Consiglio dei ministri, convocato per domani (venerdì 22) esaminerà la richiesta di proroga dello stato di emergenza per le zone del messinese colpite dall’alluvione del 1. ottobre 2009: lo ha detto il sottosegretario alla Protezione civile, Guido Bertolaso, in una comunicazione in Senato. Il presidente delle Regione Siciliana, infatti, ha ufficialmente avanzato richiesta di ulteriori risorse economiche, rappresentando che dei 139 milioni di euro, poco più di 115 milioni sono stati già interamente impegnati per interventi infrastrutturali già avviati e completati, mentre 22,5 milioni di euro sono stati utilizzati per l’assistenza alla popolazione e che le somme rimaste a disposizione consentono di continuare a garantire la sola assistenza alla popolazione dei 2054 sfollati. La somma totale necessaria per l’intero programma degli interventi, già svolti e programmati per il prossimo futuro, è valutata dal commissario pari a 320 milioni di euro con una carenza di disponibilità stimata intorno ai 181 milioni di euro”. Le persone ancora evacuate a seguito dell’alluvione di Scaletta e Giampilieri che provocò 37 vittime, sono 2054: 1365 nel comune di Messina, 580 per quel che riguarda Giampilieri, 460 di Scaletta Zanclea, 22 del comune di Itala”, ha detto Bertolaso.

 

Leave a Response