Roccella. Due escursionisti in bici (uno originario di Furci) si smarriscono sui monti Peloritani, ritrovati dai carabinieri dopo 4 ore di intense ricerche

ROCCELLA VALDEMONE (Messina) –  Si è conclusa positivamente nella tarda serata di ieri la vicenda che ha visto protagonisti due professionisti bolognesi, Eliseo Morri, 54 anni, e Bruno Crinò 50 (quest’ultimo originario di Furci Siculo), che si erano smarriti sui monti Peloritani, nell’area compresa tra i comuni di Malvagna e Roccella Valdemone.
Il tutto ha avuto inizio quando, nel pomeriggio di ieri. I due in sella alle rispettive bici mountan bike si sono inoltrarti all’interno della riserva naturale orientata del Bosco di Malabotta che sorge tra la fine dei monti Peloritani e l’inizio dei monti Nebrodi. Dal racconto fatto poi dai malcapitati pare che l’escursione fosse stata organizzata dopo avere studiato il percorso tramite una cartina estrapolata da Internet. Dopo avere raggiunto in autovettura Malvagna i due, a bordo delle rispettive mountanin bike, si sono inoltrati lungo il percorso indicato sulla mappa con l’intenzione di raggiungere il Bosco di Malabotta nel territorio di Roccella Valdemone. Ad un certo punto però, probabilmente a causa della scarsa conoscenza del territorio i due escursionisti hanno perso l’orientamento anche a causa della scarsa visibilità dovuta al maltempo che stava imperversando in quell’area montana sia al sopraggiungere della sera. Alle 19 circa i due ciclisti, persa ogni speranza di raggiungere il Bosco di Malabotta, già infreddoliti e in difficoltà, hanno lanciato l’allarme al numero unico di emergenza europeo 112, mettendosi in contatto con l’operatore della Centrale carabinieri della Compagnia di Taormina. Immediatamente la macchina dei soccorsi si è messa in moto. Sul posto sono state inviate alcune pattuglie dell’Arma già in servizio esterno. L’allarme veniva esteso anche al personale del Corpo forestale di Messina che ha concorso con i carabinieri nelle ricerche dei due dispersi. L’epilogo della brutta esperienza vissuta dai due escusionisti si è conclusa concludeva dopo oltre  4 ore, alle 23.30, quando venivano raggiunti dai carabinieri della stazione di Roccella Valdemone in località Piano Notaro di Roccella Valdemone. I due escursionisti nonostante un principio di assideramento erano comunque in buone condizioni. I militari dell’Arma li hanno accompagnati prima alla caserma di Roccella Valdemone dove sono stati rifocillati e, successivamente, a Furci Siculo a casa di Crinò, dove i due professionisti stanno trascorrendo un periodo di vacanza.

Leave a Response