Savoca. Estate boom: 30mila presenze tra giugno e settembre

SAVOCA – È un bilancio estivo che si chiude col segno “più” quello di Savoca L’affascinante borgo medievale, tra i mesi di giugno e settembre, è stato visitato da oltre trentamila persone. Un risultato di grande rilievo che lascia ben sperare per il futuro. Numeri ottenuti anche grazie alla rinnovata collaborazione tra l’Amministrazione comunale e le agenzie di viaggio che gestiscono le escursioni crocieristiche dai porti di Messina e Giardini Naxos. Durante i mesi estivi, infatti, a Savoca quasi quotidianamente sono giunti pullman carichi di turisti. “A ciò – ha spiegato il sindaco Nino Bartolotta – ha fatto da cornice una intensa attività di promozione dei beni culturali e ambientali, il mantenimento di una serie di servizi offerti al visitatore e la confermata presenza del nostro Comune negli itinerari de “I Borghi più belli d’Italia”. Un biglietto da visita prestigioso – ha aggiunto Bartolotta – che ha proiettato il centro medievale del nostro paese nei più particolari circuiti turistici nazionali ed esteri, premiando gli sforzi di un’amministrazione che ha voluto scommettere fortemente sul turismo e sulla valorizzazione dell’ambiente e dei beni culturali, creando anche una fonte di reddito”. Turisti e vacanzieri giunti a Savoca, oltre alle monumentali chiese, il museo del mondo contadino e il famoso “Bar Vitelli” di piazza Fossia, reso celebre dal film “Il Padrino”, hanno potuto anche apprezzare la qualità di alcuni eventi artistici di ottimo livello. Ad arricchire la stagione estiva, infatti, si sono susseguite mostre di pittura, rassegne culturali e l’elegante esibizione del “Peloritan Brass Quintet” del maestro Luciano Fraita, quintetto di ottoni che ha passato in rassegna, con grande maestria, pezzi celebri ed intramontabili di Sinatra, Morricone e Armstrong. La strada sembra tracciata, bisognerà adesso continuare a lavorare in questa direzione per imprimere una svolta decisiva nel futuro di Savoca.

Leave a Response