Fiumedinisi. Liquidazione a professionista di una parcella da 127 mila euro, la minoranza protesta e abbandona il Consiglio

FIUMEDINISI – Polemica tra opposizione e maggioranza sulla trattazione di due argomenti posti all’ordine del giorno, di grande importanza per le casse del piccolo centro collinare. Il primo riguarda il pagamento di una parcella per prestazioni legali. Il tutto nasce nel lontano 2002 quando una delibera della giunta Todaro affida all’avvocato Monforte l’incarico di ricorrere al Tar per il mancato inserimento del comune di Fiumedinisi in una graduatoria utile per l’ottenimento di un finanziamento europeo. Il ricorso fu perso, Fiumedinisi non ha tratto alcuna utilità. Il legale messinese ha presentato al Comune una parcella di oltre 200 mila euro. La proposta di delibera presentata dalla Giunta, poi approvata dal Consiglio, con il voto contrario del consigliere indipendente Caminiti, conteneva la liquidazione in via transattiva di circa 127 mila euro. La minoranza aveva chiesto in merito ulteriori approfondimenti. Il secondo punto all’ordine del giorno, riguarda invece la liquidazione dei compensi per alcuni lavori eseguiti in occasione degli eventi alluvionali del 2009 – 2010 che, secondo i consiglieri d’opposizione, sono consistiti solo in piccoli smottamenti. Gli interventi ammontano ad 800 mila euro.

Leave a Response