Roccalumera. Passerella sul torrente Pagliara, la minoranza attacca Miasi: “In tre anni solo uno studio di fattibilità”

ROCCALUMERA –“Il mantenimento dell’attuale passerella sul torrente Pagliara, con la garanzia del transito in sicurezza e la realizzazione di una struttura definitiva hanno avuto e continueranno ad avere il nostro più totale sostegno”. Lo hanno dichiarato i consiglieri di minoranza del Comune di Roccalumera (Campagna, Basile, Cisca, Maccarrone, Spadaro e Vadalà) nel corso di una conferenza stampa convocata questa mattina in municipio. “Fino ad oggi – continuano i consiglieri di opposizione – a partire dalla conferenza di servizi del 12 luglio 2007, abbiamo solo assistito a manifestazioni di buona volontà, comunicati stampa e missive, prive di atti concreti, indirizzate a tutte le istituzioni regionali, che non hanno prodotto nulla. Infatti – prosegue il capogruppo di opposizione Pippo Campagna – nonostante le tante iniziative messe in campo dal sindaco Miasi, non ultima, la seduta del consiglio straordinario del novembre scorso, nella quale con un ordine del giorno condiviso da tutto il consiglio, si impegnava l’Amministrazione per la salvaguardia della passerella carrabile e per la risoluzione definitiva dell’attraversamento stabile del torrente Pagliara, solo oggi, anzi per l’esattezza lunedì prossimo, il sindaco Miasi presenterà alla comunità di Roccalumera, il frutto di tre anni di impegno, interviste e piagnistei. Peccato però – chiosa Campagna – che se il risultato di tante promesse, si tradurrà nella presentazione di uno studio di fattibilità composto da solo 16 fotocopie di elaborati tecnici, che ad oggi sono gli unici atti presenti presso l’ufficio tecnico comunale, il fallimento di Miasi e della sua Amministrazione, su questa vicenda sarà conclamato. Questo livello di progettazione – precisa Campagna – non consentirà al nostro Comune di partecipare a nessun bando, regionale o ministeriale, per i quali il minimo livello di progettazione richiesto, è quello “definitivo”, completo di tutte le autorizzazioni, visti e  pareri degli organi competenti”.

Leave a Response