Furci. Assessore alla guida dell’auto del Comune anche in ore serali, è lecito? L’interessato: ”Riununcio all’autista a tutto vantaggio dei contribuenti”

FURCI SICULO –  Un assessore al volante dell’auto di servizio del Comune, in giro per il paese, in pieno giorno ma anche a tarda sera. E’ lecito? L’interrogativo (corroborato da mormorii e insinuazioni) a Furci circola da mesi, da quando Carmelo Freni è entrato a far parte della Giunta per occuparsi di Manutenzione, Sicurezza, Ambiente, Acquedotto, Cimitero, Igiene e Sanità. Incalzato dal pettegolezzo, l’amministratore ha diramato dalla sede municipale una lettera aperta ai suoi concittadini. «Sì, è vero – ammette – che per motivi inerenti le deleghe ricevute di assessore, uso la macchina dell’Ente. Il mio modo di agire – prosegue – consente il risparmio di un autista che potrei richiedere di volta in volta, ma che per motivi di economicità non ritengo pretendere». Carmelo Freni, in paese noto come l’assessore operaio, è a conoscenza delle voci sulla sua persona: «Capisco la diffidenza, ma non posso condividerla. Nella nostra società – puntualizza – esistono anche gli uomini onesti. Chi nutre dubbi può chiamarmi e chiedere conto delle mie azioni. Sarò felice di dare tutti gli opportuni chiarimenti sulla questione». L’amministratore conclude con una puntualizzazione: «Porto sempre con me l’autorizzazione (del sindaco) ad usare, per motivi inerenti il mio mandato, l’auto dell’Ente. Se qualcuno lo ritiene opportuno, può intervenire per farmela revocare…».

Leave a Response