La visita di Berlusconi a Taormina, tra l’attesa di annunci eclatanti (sul casinò) e le istanze del Mezzogiorno

di Carmelo Caspanello

TAORMINA – Potrebbe riservare qualche sorpresa la visita di Berluconi a Taormina del prossimo sabato pomeriggio, nell’ambito della convention mazionale de La Destra di Storace. Le voci in città si rincorrono. E secondo le indiscrezioni trapelate il premier potrebbe fare qualche annuncio eclatante in merito alla riapertura del Casinò nella capitale del turismo siciliano. Un dibattito affascinante, che da decenni fa riempire d’inchiostro pagine di giornali. E basta. Per aprire i battenti serve una legge che di fatto non c’è. E di concreto non è stato fatto nulla. Anzi, da un po’ di tempo a questa parte il dibattito si è adeguato alle nuove tecnologie. E così non si parla più solo del tradizionale casinò, bensì di gaming-holl. Di casinò virtuali come tanti ce ne sono già in altre parti d’Italia e che stanno via via soppiantando i tavoli verdi delle vecchie case da gioco alle quali le nuove generazioni sono sempre meno affezionate. Ma cosa dirà mai Berlusconi a Taormina sull’argomento? I soliti bene informati sostengono che il leader del Pdl potrebbe siglare un patto con i taorminesi finalizzato a trovare una soluzione legislativa. L’annuncio, sempre secondo i soliti bene informati, dovrebbe essere dato al Palazzo dei congressi alla presenza del presidente della Regione Lombardo e del sindaco Passalcqua. Ci sarebbe già stato un prologo tra Berlusconi e suoi più stretti collaboratori. Non mancano le riserve, come quelle della Lega. Anzi, si tratterebbe di un ostacolo. Ma la visita a Taormina di Berlusconi andrà oltre l’atavica e irrisolta questione casinò. L’attenzione sarà puntata anche sulla lotta alla mafia e sulla necessità di una politica di rilancio del Mezzogiorno. Non è un caso se quale sede della festa nazionale La Destra di Storace ha scelto, su proposta di Nello Musumeci, la Sicilia e Taormina. Il Sud, oggi più che mai, ha bisogno di interventi forti. E di un Governo che oltre al Nord e alla Lega di Bossi guardi con grande attenzione al Mezzogiorno e alle sue esigenze.

Leave a Response