Messina. Lite in sala parto, Matteo Molonia: “Mio figlio ha avuto due ischemie”. I medici: “Impossibile, al momento, dire se ci saranno conseguenze”

MESSINA – “L’esito della risonanza magnetica sul bambino evidenzia due ischemie celebrali”. Ad annunciarlo è stato Matteo Molonia, il padre del piccolo Antonio, il bambino nato al Policlinico di Messina dopo una lite tra due ginecologici. “È una cosa grave – ha detto Matteo Molonia – e i medici mi hanno spiegato che può avere conseguenze per il suo futuro. Mia moglie sta meglio, ma ora dopo la notizia è ricaduta nello sconforto totale. Siamo disperati, spero solo che ora qualcuno paghi per tutto questo”. “Non possiamo dire – ha spiegato il direttore dell’unità di terapia intensiva neonatale del Policlinico di Messina, Ignazio Barberi – se il bambino  avrà conseguenze in futuro. È vero che la risonanza ha evidenziato dei problemi, ma non è certa l’evoluzione che questi potranno avere. Passeranno anni prima di avere una diagnosi certa. Una prima risposta approssimativa si potrà avere forse tra sei mesi o un anno”.
Intanto è stata dimessa la madre del piccolo Antonio, Laura Sampietro.
La donna, che ha subito l’asportazione dell’utero, sta bene e per stare vicino al figlio potrà occupare una stanza nel reparto di terapia intensiva neonatale dello stesso ospedale in cui è ricoverato il neonato e dove potrà trascorrere anche la notte.  La donna ha potuto prendere in braccio il figlio e a breve dovrebbe anche iniziare ad allattarlo senza tiralatte.

Leave a Response