Castelmola. Pioggia di interrogazioni del consigliere Giorgio Russo al sindaco Antonella Cundari

Mauro Romano

CASTELMOLA – Pioggia di interrogazioni, da parte del consigliere di opposizione, Giorgio Russo. Un primo documento, a risposta scritta, chiede lumi sulla situazione dei parcheggi. «Vorrei essere messo a conoscenza – ha scritto nell’interrogazione indirizzata al sindaco, Antonietta Cundari – quali sono i provvedimenti che sono stati intrapresi per il completamento del posteggio di sotto piazza Garitella, visto che la data di consegna dei lavori è abbondantemente scaduta. Considerando anche l’assicurazione del primo cittadino che tutto l’iter relativo a un inconveniente del nuovo parcheggio di Porta di Mola, sarei curioso di sapere, inoltre se, in quest’altro caso, realmente tutto è stato risolto».
Per quanto riguarda l’autosilos realizzato, Russo si riferisce al fatto che nella struttura vi sarebbero ancora infiltrazioni d’acqua e vuole avere modo di conoscere la corrispondenza tra gli Enti interessati. Ma gli altri interventi di Russo riguardano anche altri argomenti. In particolare, il rappresentante del civico consesso vuole sapere se sono stati messi a buon frutto alcuni immobili di pertinenza della casa municipale molese. «Chiedo – ha proseguito Russo – visto che in questo periodo estivo sono stati concessi i locali comunali per esposizioni e altro, con quali atti sono stati concessi e a quali condizioni».
In questa interrogazione Russo fa riferimento ad alcune iniziative che hanno avuto come palcoscenico la biblioteca comunale e anche i locali che un tempo erano la sede della cosiddetta «città degli artisti». In particolare, sarebbe nel mirino di Russo, anche il fatto che sarebbe stato adoperato personale comunale per queste iniziative.
L’ultimo intervento di Russo riguarda, invece, il destino di un immobile di contrada Mancanna. Questo edificio si sarebbe dovuto vendere a un’asta che, però, è andata deserta. Adesso, invece, si parlava di locarlo al migliore offerente. Fino a questo momento quel locale non è stato affittato e rischierebbe di rimanere nell’elenco dei beni non utilizzati a dovere.
Insomma per Russo tutto appare in un momento di stasi. «E’ necessaria – ha spiegato Russo – una sferzata per dare un impulso alla casse comunali con interventi seri e corretti. Soprattutto si deve agire nell’interesse assoluto della cittadina molese che ha tanti settori da fare decollare».

Leave a Response