Taormina. Politica in fermento: Passalacqua verso l’azzeramento della Giunta

TAORMINA – «Saranno cinque o al massimo sei, i punti programmatici sui quali chiederò alle forze politiche taorminesi di trovare una sintesi entro settembre». Lo ha affermato il sindaco, Mauro Passalacqua, al termine di una serie di riunioni che si sono svolte in questi giorni e che potrebbero avere come risvolto un azzeramento della Giunta per raggiungere gli obiettivi prefissati.
«In effetti, la coalizione di governo che è uscita dalle elezioni – ha detto il primo cittadino – ora non è la stessa. Adesso è arrivato il momento di chiedere quali siano gli obiettivi da raggiungere anche ad altre forze politiche, che vorranno partecipare al progetto». Insomma, Passalacqua vuole fare il punto della situazione politica, cercando di spronare alcuni componenti della Giunta ad una più attiva partecipazione alla vita amministrativa. Certamente, allo stato attuale, appare difficile percepire quale sarà la geografia di un’eventuale nuova coalizione, che potrebbe avere prospettive che vanno oltre l’attuale legislatura. Probabilmente, incidono su questa scelta le posizioni di assoluto dissenso dei rappresentati dell’Mpa, come Jonathan Sferra e Carmelo Valentino, accompagnate da quelle più volte esternate dalla collega Pina Raneri. A questi movimenti di carattere locale, si aggiungono quelli di respiro nazionale che potrebbero avere ripercussioni a Taormina spingendo alcuni componenti dell’assemblea cittadina, che dialogano da tempo con il primo cittadino, a trovarsi, naturalmente, vicini alla sua coalizione.
«Non è escluso – ha affermato Passalacqua – che entro il mese di settembre possa effettuare scelte anche drastiche, nel panorama amministrativo, con un annullamento degli incarichi». Così, stando ai presupposti, si annuncia una rivoluzione in seno al governo cittadino. Già in passato, il sindaco aveva effettuato tentavi del genere, che si sono conclusi solo con un rimpasto delle deleghe degli assessori.

Leave a Response