S. Alessio. Il sindaco Foti: “Investire sull’immagine del paese per superare la crisi”

S. ALESSIO – “Bisogna investire sulla promozione per rilanciare l’immagine del paese”. Ha le idee chiare il sindaco Giovanni Foti su quello che serve per far tornare la cittadina jonica ai fasti di un tempo. Il suo Comune, sino a qualche anno fa centro turistico per eccellenza del comprensorio, è costretto oggi a fare i conti con una crisi travolgente. Negli ultimi anni non c’è stata tregua: l’erosione ha fatto scomparire la spiaggia, le mareggiate hanno fatto il resto inghiottendo interi tratti di lungomare. Di fronte ad uno scenario del genere molti sono andati altrove. “Chiedere alla gente di venire in un paese di mare in cui mancava la spiaggia era impossibile”, commenta il sindaco Foti. L’unica soluzione è quella di far riaffiorare la spiaggia. Sono stati spesi milioni di euro per la collocazione di una barriera soffolta in grado di attenuare la forza distruttiva delle onde e subito dopo si è pensato al ripascimento della spiaggia. Un tratto è già ricomparso ma bisognerà vedere se e come supererà l’inverno. “Siamo in attesa di un nuovo finanziamento che ci servirà per completare la barriera – spiega Foti – e poi proseguiremo con il ripascimento”. Intanto si è deciso di puntare tutto sul rilancio dell’immagine. “Quest’estate – aggiunge il primo cittadino – abbiamo effettuato uno sforzo economico notevole per allestire un cartellone di richiamo. Speriamo che chi sia venuto a S. Alessio abbia apprezzato, creando un passaparola positivo per il prossimo anno. Del resto in un momento di grave crisi, con i flussi turistici ai minimi storici, l’unico strumento che abbiamo è quello della promozione. Sono stati spesi circa 40 mila euro, ai quali vanno aggiunti altri 30-40 mila euro che ci sono stati dati da altri enti, come Provincia e Regione, che ringrazio”.  Tra gli eventi organizzati anche una mostra dal respiro internazionale, la personale di Esther Mahlangu, considerata la “regina” dell’arte africana. “Ci ha dato visibilità in tutta Italia – conclude Foti –, è questa la strada da seguire”.

Leave a Response