Scaletta e Itala. A quasi un anno dall’alluvione ancora fermi gli interventi sulle strade provinciali

SCALETTA – L’autunno è ormai alle porte ma dei previsti interventi sulla viabilità provinciale nelle zone colpite dall’alluvione non si vede ancora traccia. La denuncia è del consigliere provinciale di “Sicilia Vera”, Pippo Lombardo, che ieri mattina ha presentato un’interpellanza al presidente Nanni Ricevuto. “Ho chiesto al presidente – ha spiegato Lombardo – di farsi assegnare le risorse necessarie dal commissario delegato per l’emergenza, senza ulteriori indugi, in modo tale da garantire la giusta serenità a chi quotidianamente percorre queste strade”. Si tratta, nello specifico, della Sp 32 (che unisce Scaletta a Scaletta Superiore), della Sp31 (che conduce alla frazione Guidomandri Superiore) e della Sp29 (nel territorio di Itala). “Non si può più tollerare –  prosegue  Lombardo – che a distanza di quasi un anno da quella maledetta alluvione, non sia stata ancora trovata la copertura finanziaria per garantire la messa in sicurezza di quelle strade”. Sulla Sp32 è prevista la realizzazione di un ponte sul torrente Racinazzi (costo 4milioni e 250mila euro). Sulla Sp31 e sulla Sp29, invece, dovranno essere effettuati interventi di “mitigazione del rischio idrogeologico”, rispettivamente per 880 e 800mila euro. “In particolare – conclude Lombardo –  la priorità dovrebbe essere il ponte sulla Sp32, perché la frazione di Scaletta Superiore rischia l’isolamento”.

Leave a Response