Giardini. Cafiso, l’ambasciatore del jazz italiano nel mondo, ammalia il pubblico di extramoenia

GIARDINI – Un altro straordinario concerto nell’ambito di Extramoenia, la rassegna ormai consacratasi tra i grandi eventi. Applausi a scena aperta per la performance del jazzista Francesco Cafiso. Il giovane musicista siciliano ha appassionato il pubblico presente in gran numero al Teatro Nuovo. Cafiso si è esibito a Giardini insieme a Dino Rubino, che compone ormai stabilmente con lui, Giovanni Mazzarino e Rosario Bonaccorso, un quartetto molto affiatato (i “Four Out”). Sonorità vibranti e raffinate, con una incredibile abilità da vero “re” del sax, anche nei brani più impegnativi: così Cafiso si è ancora una volta confermato uno dei talenti più precoci e importanti della storia del jazz italiano, ed ormai protagonista anche nel mondo in diversi Paesi esteri. Un’altra serata magica per gli spettatori di Extramoenia, la rassegna che grazie all’impegno e la competenza del direttore artistico Fulvia Toscano sta riproponendo dopo tanti anni la città di Giardini in primo piano nel circuito dei grandi eventi nell’isola e nel panorama nazionale. Cafiso, nativo di Vittoria, ha riscosso in questi anni consensi in tutto il globo, e in America si esibito al Lincoln Center nella “Alice Tully Hall” e nella “Avery Fisher Hall” oltre che al Birdland, all’Iridium, al Dizzy’s Club Coca Cola, al BB King, prestigiosi jazz club di New York.
Giardini ha potuto ammirare il genio di un musicista che si è fatto apprezzare ai Festival di New Orleans, Montreal, Melbourne, Tokio e Londra, e che ha suonato a Washington DC durante i festeggiamenti in onore del Presidente Barak Obama e del Martin Luther King Junior day. “Siamo contenti di aver ospitato ad Extramoenia un autentico “ambasciatore della musica jazz italiana nel mondo – ha detto Fulvia Toscano – ed è stato molto bello il coinvolgimento del pubblico nel seguire questo splendido spettacolo”.  Stasera sul lungomare Tysandros, dalle 22.00, andrà in scena “La notte dei 4 elementi”.

Leave a Response