Ato idrico, approvato il Piano operativo triennale: interventi per 300 milioni di euro

Ammonta a poco meno di 300 milioni di euro l’importo del Piano operativo triennale approvato ieri mattina in via definitiva, all’unanimità, da 72 sindaci (su 108) dell’assemblea dell’Ato idrico Messina. Gli interventi previsti sono 263. Ben 120 riguardano il settore fognario depurativo: 72 nel 2010 (per una spesa di 130milioni e 701mila euro) e 48 nel 2011 (22 milioni e 72mila euro). I rimanenti lavori sono legati, invece, al settore acquedotti. Nel 2010 sono previsti 50 interventi (per un importo di 44.933.340 euro); nel 2011 sono 44 (per complessivi 48.519.949 euro) e nel 2012, infine, 49 (46.940.348 euro). Per quanto concerne il settore depurativo si dà priorità ai Comuni che rientrano in zone ad alto rischio ambientale e a quelli montani con almeno duemila abitanti, che ricadono nello stesso bacino idrografico. Sono inoltre comprese le zone di interesse turistico-balneare con aumento di carico stagionale di abitanti. Nel settore acquedotti si farà invece riferimento ad altri criteri: percentuali di perdite idriche, livello di progettazione interventi,
ammodernamento degli acquedotti, potenziamento della rete idrica e rifacimento acquedotti, sostituzione dei serbatoi e delle adduttrici in cattivo stato. All’assemblea dei sindaci dell’Ato idrico, che ha avuto luogo a Palazzo dei Leoni, sede della Provincia regionale, sono intervenuti il presidente dell’Ente d’Ambito Nanni Ricevuto, il dirigente responsabile della Sto (segreteria tecnico-operativa) Giuseppe Santalco, il dirigente pianificazione e controllo Santi Trovato, l’assessore provinciale alle società partecipate Michele Bisignano e l’assessore alle politiche finanziarie del Comune di Messina Orazio Miloro. Il Piano è stato approvato con una serie di aggiornamenti in virtù delle schede tecniche consegnate nei giorni scorsi dai sindaci relative al settore idro-potabile, connesse al finanziamento di opere pubbliche necessarie per la riduzione delle perdite idriche e nelle adduttrici.

Leave a Response