Messina. Lite al Policlinico, il Senato accademico: “Violati i principi elementari del codice deontologico e la dignità della professionalità medica”

MESSINA – Il Senato accademico, riunitosi oggi, in riferimento all’increscioso episodio avvenuto nella Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia del Policlinico ad opera di un assegnista di ricerca e di un ricercatore, ha approvato all’unanimità il seguente documento:

Il Senato accademico condivide pienamente le sanzioni adottate dal Rettore nei confronti dei protagonisti della nota inqualificabile vicenda che hanno violato gravemente i principi elementari del codice deontologico e la dignità della professionalità medica.
Il Senato Accademico non esiterà, come ha sempre fatto, a rispondere con altrettanta fermezza a comportamenti abnormi, da qualunque componente della comunità accademica provengano, che possano ledere il prestigio dell’Istituzione.
Il deplorevole episodio che ha colpito ed offeso profondamente la coscienza collettiva non deve offuscare le tante valorose professionalità e le testimonianze di rigorosa etica medica espresse dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia alla quale vanno il rispetto e la gratitudine di tutto l’Ateneo. Il riconoscimento espresso in tante circostanze per l’attività sanitaria e didattico-scientifica dei docenti di Medicina e degli operatori universitari del Policlinico da parte di autorevoli rappresentanti delle Istituzioni, di  semplici cittadini, di pazienti risanati e di studenti deve generare, insieme alla giustificata indignazione per il comportamento di pochi, l’apprezzamento per la operosità, il lavoro qualificato e la dedizione dei molti.
Solo esercitando con equilibrio e rigore questa doverosa differenziazione di giudizi e di valutazioni, si può rappresentare il senso di appartenenza e l’identità di una comunità. In caso contrario, disorientamento e demotivazione si disseminerebbero nei tanti operatori che, invece, testimoniano quotidianamente senza clamore ma con dignitoso riserbo il loro impegno e la loro fiducia nell’Istituzione.
Le innumerevoli, concrete iniziative assunte dall’Ateneo per l’affermazione di regole di trasparenza, meritocrazia ed efficienza, allineate con quelle delle più avanzate Università italiane, non possono essere cancellate con riferimenti reiterati a deteriori luoghi comuni e a presunte malsane abitudini che non fanno parte del diffuso sentire dell’Università di Messina.

Leave a Response