Inferno di fuoco sulla dorsale Roccalumera-Savoca-Fiumedinisi-Alì: in cenere 70 ettari di terreno. Inquantificabili e irreparabili danni all’agricoltura e all’ecosistema

Le campagne del versante ionico della provincia di Messina continuano a bruciare sotto i ” mortali colpi” dei piromani che, puntualmente, ogni estate entrano in azione indisturbati. Infatti, fuoco di natura dolosa anche ieri e oggi: stavolta lungo la dorsale Savoca, Roccalumera, Fiumedinisi e Alì Superiore. Nel centro collinare fiumedinisano gli ultimi focolai sono stati spenti questa mattina. Al lavoro decine di pompieri, guardie forestali e volontari supportati da mezzi aerei, che hanno effettuato centinaia di lanci di acqua raccolta a mare. Gli incendi hanno distrutto circa 70 ettari di terreno (qualcosa come 700 mila metri quadrati di verde), causando danni irreparabili all’agricoltura e alle campagne. Distrutti centinaia di alberi di quercia e di castagno, oltre un enorme bosco di pini. Ad alimentare gli incendi un forte vento di nord nord-ovest che dalle colline di Roccalumera, località Contrisa, ha spinto le fiamme fino a Fiumedinisi, dove si è sprigionato uno degli incendi più devastanti degli ultimi anni . Le alte lingue di fuoco si sono propagate da contrada Cernicola di Fiumedinisi fino a Pizzo Graziano di Alì Supriore. Per domare le fiamme ci sono voluti due giorni. Sono stati impiegati due Canadair, due elicotteri Fire Box della Protezione civile ed un elicottero della Regione. Sono state utilizzati anche autobotti e mezzi di soccorso, cinque squadre della Forestale e parecchi volontari. Ma se l’incendio più devastante si è verificato nelle zone alte delle campagne tra Fiumedinisi-Alì, il più pericoloso si è sviluppato a monte dell’abitato di Savoca, dove le fiamme hanno attaccato le abitazioni in due zone del paese: ai margini della frazione Mancusa l’incendio ha lambito alcune case coloniche, mentre nella seconda zona, alte lingue di fuoco hanno minacciato alcune pregevoli ed antiche case ubicate tra Savoca e Casalvecchio Siculo.

Leave a Response