Fiumedinisi. Istituzione Unione dei Comuni valle del Nisi, la minoranza annuncia un altro ricorso al Tar

FIUMEDINISI (Messina) – Il consiglio comunale ha approvato con il voto contrario dei quattro consiglieri del gruppo di minoranza e con l’astensione del consigliere Luigi Caminiti, lo statuto e l’atto costitutivo dell’Unione valle del Nisi, recependo alcune modifiche proposte da gruppo di minoranza, che non sono stati ritenuti dagli stessi sufficienti per rendere legittimo un atto già bocciato una prima volta dal Tar. I consiglieri di minoranza si sono riservati di proporre un altro ricorso al Tar evidenziando la pericolosità sotto l’aspetto economico/finanziario per le Comunità interessate di un’istituzione non adeguatamente regolamentata e già superata dai tempi (vedi federalismo fiscale) che sembrerebbe finalizzata a tutt’altro, tranne che allo sviluppo sostenibile delle Comunità aderenti. Prima della riunione consiliare, a firma dei quattro consiglieri del gruppo di minoranza (Repici, Ricca, De Francesco e Maisano) è stata depositata la richiesta di convocazione del Consiglio comunale con il seguente ordine del giorno: “Rapporti Fenapi, comprese associazioni e società ad essa collegate o riconducibili, con il settore pubblico”. Contestualmente è stata fatta richiesta di deposito in segreteria, nei termini previsti, di tutta la documentazione inerente la riunione assembleare richiesta.
In apertura di seduta, il Consiglio  ha commemorato la scomparsa dell’avv. Nino Gregorio, consigliere comunale nel periodo 1964-1975, periodo nel quale ha ricoperto le cariche di vice-sindaco e assessore ai LL.PP. Il consigliere di minoranza, Nino Maisano, ha tracciato un breve profilo dell’uomo e dell’amministratore, sottolieandone l’onestà materiale e intellettuale. Tutti i consiglieri si sono associati concludendo con un unanime applauso.
Il capogruppo della minoranza, Repici, ha proposto, infine, l’osservanza di un minuto di silenzio per commemorare, nel 30. anniversario, le vittime della strage della stazione di Bologna

 

 

Leave a Response