Nizza di Sicilia. Spettacolo indecoroso, trasformata in discarica la bretella di collegamento con la Sp per Fiumedinisi

Carmelo Caspanello
NIZZA DI SICILIA – La zona nord del lungomare, all’altezza della strada di collegamento con la provinciale per Fiumedinisi è stata trasformata in una sorta di discarica a cielo aperto. Già da tempo è stato rimosso il cassone scarrabile per la raccolta dei rifiuti ingombranti. «A chi transita da quelle parti – denuncia il consigliere indipendente di minoranza, Mimma Brigandì – si offre uno spettacolo indecoroso. Questa situazione – aggiunge – sta diventando insopportabile e necessita di essere regolamentata».
Mimma Brigandì si è fatta portavoce dei disagi, che attanagliano i cittadini, attraverso una interrogazione al sindaco Giuseppe Di Tommaso e al dirigente dell’area tecnica. «Il degrado ambientale – spiega la Brigandì – si registra in prossimità dei cassonetti, in quanto oltre ai normali rifiuti, vengono accatastati ingombranti di ogni genere: dagli elettrodomestici ai materassi, ai divani e quant’altro. Una situazione incresciosa per i quartieri e le zone interessate dal fenomeno, particolarmente transitate dalle auto, in prossimità delle quali sono posizionati i cassonetti. A lungo andare – incalza il consigliere – si possono avere anche conseguenze per l’incolumità dei cittadini e problemi seri di natura igienico-sanitaria».
Nell’interrogazione, Mimma Brigandì sollecita «la vigilanza della polizia municipale e l’intervento dell’Ato rifiuti Messina 4, a cui compete il servizio, affinché provveda allo smaltimento regolare dei rifiuti ingombranti, stabilendo dei giorni e degli orari in cui tali rifiuti possono essere conferiti, in modo che rimangano il minore tempo possibile in strada».
E non è tutto. Il consigliere di opposizione ha chiesto all’Amministrazione di impegnare l’Ato «a svolgere tutti gli altri servizi che sono compresi nella “Carta dei servizi” dell’Azienda, quali la pulizia della spiaggia, il lavaggio delle strade, la pulizia dei marciapiede, la sensibilizzazione della popolazione al rispetto ambientale, la disinfestazione e la derattizzazione periodica. Tutti servizi che, ad oggi, non sono stati svolti con regolarità, soprattutto nei quartieri periferici, dove i cittadini si sentono dimenticati, nonostante paghino le tasse come tutti gli altri. La stagione estiva è ormai entrata nel vivo – conclude il consigliere – e il nostro paese non offre, purtroppo, attrazioni o altre forme di svago e intrattenimento. Che l’Amministrazione si impegni, almeno, ad offrire pulizia e decoro urbano a quanti hanno deciso di trascorrere le vacanze estive a Nizza».

 

Leave a Response