Messina. Ddl intercettazioni, i giornalisti manifestano davanti al Palazzo di Giustizia

MESSINA – Aderendo allo sciopero indetto dalla Federazione Nazionale della Stampa Italiana, i giornalisti della provincia di Messina stanno tenendo questa mattina una manifestazione davanti al Palazzo di Giustizia del capoluogo peloritano.
Nel corso dell’evento viene effettuato un volantinaggio per sensibilizzare opinione pubblica, magistrati, Istituzioni e cittadini ed illustrare i motivi dello sciopero indetto contro il ddl sulle intercettazioni.
Nonostante i ripetuti inviti pervenuti da più parti e persino dalla più alta Carica dello Stato a meditare su alcune parti del decreto e adottare tutto il tempo necessario per un approfondimento, il Governo ha deciso di dare un’accelerata al provvedimento portandolo in aula alla Camera per la discussione il prossimo 29 luglio, per la successiva approvazione prima della pausa estiva.  
I giornalisti messinesi, alla stregua di tutti gli altri colleghi italiani, ritengono che il decreto non serva a tutelare la privacy ma a mettere piuttosto il bavaglio alla stampa.
Pubblicare le intercettazioni non significa voler violare la privacy dei semplici cittadini ma poter rendere note la malefatte di tutti, anche di chi gestisce il potere.

Leave a Response