Messina. D’Alia: ”Revocare il servizio Metromare se non vengono garantiti i collegamenti con aeroporto Reggio”

MESSINA –  “Procedere, se necessario, anche alla revoca dell’aggiudicazione del servizio ‘Metromare’ che dal 28 giugno scorso è attivo nello Stretto di Messina”. E’ quanto chiede il presidente dei senatori Udc, Gianpiero D’ Alia, in una interpellanza indirizzata al ministro delle Infrastrutture, Altero Matteoli.
In particolare il parlamentare messinese punta l’attenzione sulla situazione dei collegamenti con l’aeroporto ”Tito Minniti” di Reggio Calabria.
“A una settimana dal taglio del nastro – spiega D’Alia – l’ennesimo fermo: per assicurare, infatti, le coincidenze con i voli più importanti il consorzio ‘Metromare’ avanzerebbe la richiesta di ulteriori risorse in quanto, questa esigenza, richiederebbe ulteriori impegni non contemplati nel contratto”.
Continua il senatore centrista: “Sembrerebbe che da parte della Sogas sarebbe già stato allestito il check-in sulla sponda messinese e che si starebbe provvedendo ad predisporre una biglietteria sul molo Rizzo onde evitare che i pendolari debbano recarsi alla bilglietteria della Stazione marittima, tuttavia senza le opportune coincidenze il sevizio sarebbe del tutto insufficiente se non inutile”
“La situazione appare del tutto paradossale – considera D’Alia – in quanto si sarebbero dovute naturalmente assicurare le coincidenze con i principali voli. Sembra quindi assurdo la mancata previsione di questa normale esigenza nel contratto e la conseguente richiesta da parte del Consorzio di ingenti risorse aggiuntive per avviare un servizio che altrimenti non avrebbe ragion d’essere”.
D’Alia quindi invita il ministro Matteoli ad intraprenendere le misure necessarie  al fine di avviare definitivamente la ‘Metromare’ che collega la città di Messina con l’aeroporto calabrese. “Ciò è necessario – conclude il senatore Udc – in primo luogo per non dissipare le importanti risorse sino ad oggi impiegate e far si che contestualmente venga rilanciato lo scalo di Reggio Calabria  sino ad oggi  poco fruibile per Messina e la sua provincia e per far si che lo stesso territorio messinese esca dall’isolamento in cui versa per i difficili collegamenti aerei, e non solo”.

Leave a Response