150° dell’Unità d’Italia, museo risorgimentale a Nizza di Sicilia. L’inaugurazione ad agosto

NIZZA DI SICILIA – In occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, anche nella riviera jonica sono numerose le manifestazioni programmate. La sede di «Archeoclub d’Italia-Area jonica», associazione presieduta dall’arch. Mimmo Costa, sta predisponendo una serie di importanti iniziative. Nell’Abbazia dei Santi Pietro e Paolo d’Agrò, a Casalvecchio, sono in programma per i primi di luglio una conferenza e una mostra dedicata a Luciano Crisafulli e ai garibaldini della Val d’Agrò. Ma, il vero evento si svolgerà a Nizza, dove, nei primi giorni di agosto, sarà inaugurato il Museo risorgimentale. Per l’occasione, «Archeoclub» sta organizzando un convegno al quale parteciperanno studiosi ed esperti.
«Nizza – spiega l’arch. Salvatore Coglitore, cultore di storia locale e socio di “Archeoclub” – è stato l’unico Comune nella nostra riviera, che in conseguenza dell’arrivo dei Mille cambiò denominazione da San Ferdinando (in onore al Re Ferdinando II di Borbone) a Nizza (in onore all'”Eroe dei due mondi”). Inoltre, il col. Giovanni Interdonato, sicuramente il più importante garibaldino del comprensorio jonico, era nativo proprio di Nizza. Quindi è doveroso – aggiunge Coglitore – che il Comune di Nizza si doti di un museo dedicato al Risorgimento e con particolare attenzione all’epopea garibaldina, anche perché ancora oggi gli eredi del col. Interdonato hanno in custodia rari cimeli, che saranno finalmente esposti».

Leave a Response