Messina. In Corte d’assise chiesti 14 anni per l’ex barbiere Antonino De Francesco che uccise nelle campagne di Fiumedinisi Giuseppe Fleri

MESSINA – Alle fasi conclusivi il processo ad Antonino De Francesco, 65 anni, l’ex barbiere fiumedinisano in pensione, che uccise con un colpo di fucile il 4 dicembre del 2008 il bracciante agricolo Giuseppe Fleri, 31 anni. Ieri in Corte d’Assise il pm, Federica Rende, ha chiesto ai giudici 14 anni di reclusione per De Francesco accusato di omicidio volontario. L’ex barbiere, che esercitava la professione a Furci Siculo ed abitava a Nizza di Sicilia, sin dal momento del suo arresto ha sostenuto che non intendeva uccidere Fleri e che il colpo dal suo fucile di caccia partì accidentalmente. Tra i due, stando alle risultanze degli accertamenti dei carabinieri, era scoppiata una violenta lite nelle campagne di Fiumedinisi per una questione di confini perché il bestiame di Fleri pascolava abusivamente sul terreno di De Francesco il quale aveva presentato una denuncia ai carabinieri. Fleri per evitare fastidi con la giustizia, stando alle indagini degli inquirenti, tentò di convincere l’ex barbiere a ritirare la denuncia e con una spranga di ferro si avvicinò a De Francesco che era armato di fucile. Partì un colpo che raggiunse allo stomaco il bracciante, che morì dopo alcuni minuti. La sentenza è attesa lunedì prossimo a conclusione dgli interventi degli avvocati delle due parti.
 

Leave a Response