Taormina. “Guerra dei distretti” verso la svolta. Si punta ad una “soluzione mista” per avviare i progetti

Mauro Romano

TAORMINA – Per risolvere la guerra dei distretti turistici anche un incontro a… Teano. Una delegazione composta dall’assessore, Nunzio Corvaja e dal noto esponente di spicco della Lega Siciliana, Cesare Tajana, hanno raggiunto, infatti, Roccalumera, per non andare a finire in luoghi più lontani, dove ad attenderli si trovavano i funzionari della Provincia.
Taormina aderirà dunque al circolo tematico della Provincia di Messina mentre si va anche avanti nel Distretto Turistico «Taormina – Etna», già consolidato, nel quale la «Perla» ha, però, una quota di partecipazione esigua. La soluzione mista, quella che ha potrebbe far salvare «capre e cavoli» è stata adottata in extremis visto che proprio in queste ore scadevano i termini per partecipare a questa o quell’altra organizzazione. Come al solito Taormina ha attuato una salomonica soluzione che non si sa quali effetti avrà. In effetti nella «Perla» la confusione sulla realizzazione o meno dei Distretti è stata sovrana.
Lo hanno testimoniato le riunioni che si sono susseguite e che hanno visto la partecipazione anche del presidente della Provincia, Nanni Ricevuto. La fumata bianca è arrivata a poche ore dal termine ultimo sancito dalla Regione per presentare tutti gli atti a Palermo. Va anche aggiunto che a complicare le cose ci si è messa anche la rigidità della Regione che non ha concesso nessuna proroga. Il Distretto turistico «Taormina Etna» si era già messo in regola con la presentazione delle documentazioni ai competenti uffici di Palazzo d’Orleans. La settimana scorsa sembrava fosse definitivamente tramontata l’ipotesi di decollo del nuovo distretto, e invece all’ultimo momento si è arrivati alla svolta decisiva. A dare un’accelerazione, dovuta anche a cause di necessità, è stata anche una riunione della maggioranza che si è svolta ieri alla casa municipale. Adesso bisognerà vedere gli effetti di quanto deciso. Si spera che di distretti non si parli più per almeno mesi.
L’estenuante «tela di Penelope», forse, è arrivata ad una soluzione definitiva. Il distretto turistico «Taormina – Etna» ha in serbo tanti progetti come quello di potenziare il polo museale. Un argomento questo che sta molto a cuore anche al presidente di Confindustria alberghi, Sebastiano De Luca. Quest’ultimo sta spingendo l’acceleratore per indicare altre proposte che siano ispirate alla concretezza.

Leave a Response