S. Teresa. Istituti scolastici del comprensorio jonico insieme per l’Africa

S. TERESA – Tutti insieme all’insegna della solidarietà. Dodici scuole della riviera jonica, da Scaletta Zanclea a Letojanni, hanno partecipato alla manifestazione “La scuola siamo noi. Noi e l’Europa”, organizzata nell’ambito dei progetti Pon dall’Istituto Comprensivo di S. Teresa di Riva, con il patrocinio del Comune. Il ricavato della serata, svoltasi nella piazza sul lungomare di Bucalo, sarà devoluto al progetto “Guinea Vision-Right to Sight”, di cui è responsabile e promotore il dott. Pierpaolo Maimone, specialista di S. Teresa di Riva che da anni opera anche in Africa. I soldi raccolti con le donazioni spontanee e con la vendita di dolci e altri oggetti realizzati dagli studenti serviranno all’acquisto di attrezzature per un ospedale oftalmico della Guinea. “La manifestazione è giunta alla terza edizione – ha spiegato il dirigente scolastico Rosa Crupi -, ma quest’anno assume un significato del tutto particolare in quanto la nostra scuola è capofila del progetto “Rete Pace” che coinvolge numerosi istituti da Scaletta Zanclea a Letojanni”. Alla serata erano presenti, con i propri stand, gli istituti comprensivi di Scaletta Zanclea, Alì Terme, Roccalumera, Furci Siculo, Letojanni, la Direzione Didattica di S. Teresa di Riva, l’Istituto Superiore di Furci Siculo, il liceo Classico “E. Trimarchi” e liceo Scientifico “Caminiti” di S. Teresa di Riva. Presenti anche numerose autorità pubbliche e scolastiche. Il sindaco Alberto Morabito si è complimentato con gli studenti per la riuscita di una manifestazione che è divenuta ormai un appuntamento fisso per la cittadina jonica. Oltre agli stand allestiti in tutta la piazza, con i quali le varie scuole hanno potuto mostrare quanto realizzato durante l’anno, si è svolto uno spettacolo che è stato aperto dall’esecuzione degli inni d’Italia e d’Europa. Poi sul palco si sono alternati gli alunni delle scuole facenti parte dell’Istituto Comprensivo santateresino che si sono esibiti in piccoli saggi, raccogliendo il convinto applauso dei presenti.

Leave a Response