Fiumedinisi. Isola ecologica e assenteismo in Consiglio, la minoranza attacca il sindaco

FIUMEDINISI – Minoranza sul piede di guerra a Fiumedinisi. Un attacco portato su più fronti quello del gruppo formato da Francesco Repici, Nino Maisano, Gaetano Ricca, Orazio De Francesco e Luigi Caminiti. Il primo argomento affrontato è l’isola ecologia per i rifiuti differenziati di contrada Madonna delle Grazie. L’opposizione ha presentato un’interrogazione a risposta scritta al sindaco Cateno De Luca e all’assessore all’Ambiente per denunciare i continui incendi che vengono appiccati da ignoti nel sito. La minoranza sostiene che l’area dovrebbe essere recintata e sorvegliata, proprio per evitare il ripetersi di simili episodi. “Gli incendi – spiega il capogruppo Francesco Repici – comportano un grave danno alla salute dei cittadini e all’ambiente a causa dello sprigionamento di fumi tossici e nocivi dovuti alla combustione dei rifiuti prodotti”. Secondo la minoranza, tra l’altro, il conferimento dello stesso materiale nell’isola ecologica non avverrebbe in maniera adeguatamente regolamentata. L’opposizione chiede dunque al sindaco e all’assessore competente se sono a “conoscenza dei gravi accadimenti”, “se è stato adottato il regolamento per l’utilizzo del sito e se sono stati attivati i registri di carico e scarico dei rifiuti ivi conferiti”. Infine la minoranza chiede di sapere “quali concreti provvedimenti urgenti sono stati adottati a seguito dell’ultimo incendio e, nel caso di assenza di provvedimenti, quali determinazioni intendano adottare con urgenza per regolamentare una così grave situazione, penalmente sanzionabile, al fine di evitare che tali incidenti possano ripetersi in futuro con ulteriore grave danno all’ambiente, al paesaggio e alla salute dei cittadini”. Il secondo attacco riguarda l’assenteismo che, sempre secondo la minoranza, caratterizzerebbe le ultime sedute del Civico consesso. “Per questo motivo – spiega Repici – abbiamo presentato una mozione di censura”. “Constatato – si legge nella mozione – che la quasi totalità dei consiglieri di maggioranza da diverso tempo non partecipano alle adunanze del Consiglio, specialmente in prima convocazione e ciò nonostante la presenza accertata dei singoli consiglieri nelle immediate vicinanze della sede municipale, chiediamo che il Consiglio comunale sanzioni detto comportamento di modo che abbia a cessare il poco edificante spettacolo cui ormai da diverso tempo si è costretti ad assistere”.

Leave a Response