Taormina. Salta il forum del Pd sui problemi della città

Giuseppe Monaco
TAORMINA- Non ci sarà nessun forum sui problemi di Taormina, sul turismo e la sua crisi. Non si parlerà di disoccupazione e di sottoccupazione. E’, infatti, dopo quello annunciato dal presidente del Consiglio comunale, Eugenio Raneri, saltato anche l’appuntamento che il Pd di Taormina aveva programmato proprio per mettere l’accento su questioni di altissimo valore sociale ed economico. I democratici, secondo quanto è stato possibile accertare, non sono riusciti ad organizzare quella che poteva e doveva essere una manifestazione pubblica  e qualificata per affrontare, a 360 gradi, i programmi, i drammi, le vertenze che interessano una gran parte dei cittadini della più quotata località turistica siciliana. “Tutto dipende – fa sapere Claudio Ambrogetti, coordinatore cittadino del Pd – dall’indisponibilità dell’assessore regionale all’istruzione ed alla formazione, Mario Centorrino. Ci ha fatto sapere che impegni di governo gli impediscono di fissare una qualsiasi data per partecipare al nostro forum”. La dirigenza del partito, comunque, farà sentire la sua voce. Non sarà, però, in occasione di un forum al quale invitare esperti, imprenditori, uomini politici. In cambio, Ambrogetti lancia l’assemblea del partito al quale, chiaramente, saranno chiamati a partecipare gli iscritti. “Nei manifesti che tra qualche giorno saranno affissi – spiega il coordinatore- ci sarà un esplicito invito rivolto a tutti. Chiederemo ai cittadini di venire ad ascoltare quanto il PD ha da dire e da proporre a proposito dei fatti più rilevanti che riguardano la nostra città. Voglio dire che, in occasione dell’assemblea –fissata per il 10 giugno prossimo nel cine teatro dei Salesiani- saranno affrontati argomenti come la situazione dell’ASM, del turismo, dei distretti turistici. Insomma non mancheremo di discutere di fatti concreti”. Il PD, quindi, punta a trasformare un incontro “interno” in una” manifestazione”. Intanto, stando a quanto dichiara Ambrogetti, il partito sottolinea le sue posizioni. “A proposito di distretto turistico –dice il coordinatore- siamo convinti che Taormina non deve abbandonare il Consorzio Taormina-Etna, del quale è socio di primo piano. Noi siamo per restare all’interno di una struttura che ha già dato dimostrazione di avere le carte in regola per interessarsi di turismo. Chiaro, però, che è indispensabile che Taormina, con l’amministrazione comunale e con i suoi operatori, sappia operare nel migliore dei modi nel quadro di un programma studiato e condiviso”. A quanto pare, però, l’argomento principale all’ordine del giorno dell’assemblea sarà quello dedicato all’Azienda Servizi Municipalizzati. All’incontro, infatti, sarà presente il neo direttore generale, Fragale il quale presenterà una sorta di relazione che comprenderà anche il programma di miglioramento e potenziamento dei servizi dell’ASM. Una presenza, la sua, che, a quanto pare, è stata voluta dal partito democratico per dimostrare la “qualità” delle sue iniziative. E’ noto, infatti, che Fragale è stato proposto all’amministrazione comunale dal PD. “Ci è sembrato opportuno –commenta Ambrogetti- proporre un esperto non direttamente legato ai partiti. I fatti ci stanno dando ragione. Fragale ha già avviato a soluzione fatti che nell’ASM si trascinano da anni”.

Leave a Response