Messina. Sfigurò con un taglierino la rivale in amore, confermata dalla Cassazione condanna a 4 anni per ragazza 22enne

MESSINA – Per  rivalità in amore non aveva esitato ad aggredire con un taglierino una coetanea, procurandole gravi ferite al volto. L’autrice del folle gesto, oggi 22enne, che all’epoca dei fatti aveva 18 anni, è Alessia Micalizzi, messinese. Si è vista adesso confermare dalla Corte di Cassazione i 4 anni di carcere inflittigli nel giugno del 2006 dal gup di Messina Alfredo Sicuro. L’episodio, di cui si occuparono anche le cronache di tv e giornali nazionali, si verificò a Messina, in via Gioardano Bruno. La vittima venne affrontata dalla Micalizzi che non esitò ad aggredire la coetanea a colpi di taglierino, procurandole profondi squarci al viso. All’ospedale Piemonte per saturare le ferite furono necessari 200 punti.

Leave a Response