Casalvecchio. Mostra sulla cartografia storica della Sicilia all’abbazia normanna

CASALVECCHIO – Un progetto di promozione dell’abbazia dei Santi Pietro e Paolo d’Agrò e del parco fluviale circostante, con visite guidate, eventi tematici e una mostra su “L’evoluzione dell’immagine della Sicilia nella cartografia storica”. Lo ha messo in piedi Archeoclub Area Jonica in occasione della XII “Settimana della Cultura”, promossa in tutta Italia dal 16 al 25 aprile. La mostra, ospitata all’interno dell’abbazia normanna, permette di ammirare le antiche cartografie siciliane, che fanno comprendere l’evoluzione dell’immagine dell’Isola ed il passaggio dal disegno alle tecniche di riproduzione delle fotografie aeree e satellitari, in formato digitale. Tra le numerose immagini cartografiche in mostra si segnalano due riproduzioni importanti: la porzione della “Tabula Peutingeriana” riguardante la Sicilia, lo Stretto di Messina, la Calabria, la Puglia ed il Nord dell’Africa, risalente al periodo romano, e la riproduzione dell’affresco murale di metri 3,05 x 4,15 posto nella Galleria delle Carte geografiche del Vaticano, realizzato da Egnazio Danti e risalente al 1580, dove la Sicilia viene rappresentata capovolta. Numerose le personalità ed i visitatori che hanno partecipato alla cerimonia inaugurale dell’evento. Tra gli altri, il presidente del Consiglio dell’Unione, Romualdo Santoro, il consigliere nazionale dell’Anci, Giacomo D’Arrigo, il sindaco di Casalvecchio, Onofrio Rigano, il funzionario della Soprintendenza di Messina, Daniele Tefa, il consigliere provinciale Matteo Francilia. A fare gli onori di casa il presidente di Archeoclub Mimmo Costa. “Si tratta della prima iniziativa concreta – ha spiegato l’arch. Costa – volta a promuovere l’inserimento dell’abbazia nel patrimonio dell’Unesco. Altre ne seguiranno a breve”. La mostra e la chiesa normanna potranno essere visitate fino al prossimo 12 maggio, tutti i giorni dalle 9 alle 13 e dalle 15.30 alle 19.30. Si potrà disporre dell’assistenza del personale della Soprintendenza di Messina e del Comune di Casalvecchio.

Leave a Response