“Settimana di Protezione Civile”, simulata nello Stretto la collisione tra due navi

MESSINA – Il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, quale autorità nazionale responsabile del coordinamento del soccorso in mare, ha disposto l’esecuzione di una esercitazione complessa di Sar Marittimo (ricerca e soccorso in mare) nelle acque dello Stretto di Messina, delegando la Capitaneria di Porto di Messina ad organizzare e coordinare  l’esercitazione complessa denominata “Seasubsarex 01/2010”.
L’esercitazione si è svolta nel primo pomeriggio di ieri simulando una collisione, causata da un’onda anomala provocata da un maremoto, nell’area antistante Paradiso tra la N/T “Archimede” e la portacontainers “EVER NAS” simulata dal rimorchiatore Macistone. L’esercitazione si inquadra nell’ambito della settimana di Protezione Civile organizzata dal Comune di Messina.
A seguito della collisione si è simulato lo spostamento di due cisterne contenenti merci pericolose a bordo della N/T “Archemede” con feriti che necessitavano di essere urgentemente portati a terra per le necessarie cure mediche, nonché la ricerca di due naufraghi caduti in mare.
All’esercitazione, condotta dal capitano di vascello Angelino Cianci, comandante dell’autorità marittima della navigazione dello Stretto di Messina, hanno partecipato i mezzi della Guardia Costiera di Messina e di Reggio Calabria, unità navali della Marina Militare, dei Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza e dei Vigili del Fuoco, dislocati nel porto di Messina.
Alla banchina I° Settembre del porto di Messina, il 118 ha costituito un presidio medico avanzato per accogliere i naufraghi che in parte sono stati simulati da figuranti della Croce Rossa Italiana.
All’esercitazione hanno altresì partecipato la Corporazione dei Piloti dello Stretto, la Società Picciotto concessionaria del servizio di rimorchio portuale, il gruppo ormeggiatori di Messina e naturalmente la Caronte & Tourist.
Lo scopo dell’esercitazione è stato quello di testare il livello di risposta di uomini e mezzi disponibili, nonché verificare i tempi di reazione e la qualità degli interventi posti in essere per affrontare una emergenza nell’area dello Stretto.
L’esercitazione, seconda attività addestrativa complessa coordinata dal XV° M.R.S.C., operativo nell’Area dello Stretto dal 30 dicembre del 2008, ha avuto un regolare svolgimento e gli obiettivi addestrativi sono stati pienamente raggiunti.

Leave a Response