D’Alia ”bacchetta” il capogruppo Udc all’Ars Rudy Maira: ”E’ da autolesionisti consegnarsi agli autori della tentata eliminazione del nostro partito”

MESSINA – “Ho letto con attenzione ed un po’ di stupore l’intervista rilasciata dall’on. Rudy Maira, capogruppo del nostro partito all’Assemblea regionale siciliana, rilasciata questa mattina ad un quotidiano siciliano. Non vi e’ infatti alcun dubbio sulle contraddizioni politiche del governo lombardo ma e’ da autolesionisti consegnarsi mani e piedi agli autori della tentata eliminazione dell’Udc dalla scena politica siciliana”. Ad affermarlo è il presidente dei senatori Udc, Gianpiero D’Alia. 
“Dimenticare che il governo Lombardo e’ frutto di due ribaltoni consumati nel giro di pochi mesi prima con la destra contro di noi e poi con la sinistra, ed una parte della destra, sempre contro di noi – continua D’Alia – mi sembra grave ed irresponsabile. E mi dispiace che Maira non dimostri sufficiente lucidita’ per comprendere che il fallimento siciliano e’ simmetrico alla crisi di questo bipolarismo interpretato alla maniera tribale e che una forza come la nostra deve candidarsi, cosi’ come sta facendo nel resto d’Italia, ad essere l’alternativa ad un sistema politico malato ed incapace di dare risposte al paese”.
“L’Udc in Sicilia – sostiene il senatore centrista – deve lavorare in questo periodo a costruire una forza piu’ ampia capace di governare il territorio, traendo spunto dal fallimento politico del Pdl e del Pd e dalle profonde divisioni interne a questi due partiti”.
“La sindrome di Stoccolma da cui sembra affetto il nostro capogruppo all’Ars – conclude D’Alia – ci porta dritti al suicidio politico, consegnando la storia politica dei democristiani alla residualita’ con l’aggiunta della beffa: l’alleanza con il Pdl e Micciche’ autori principali del tentato omicidio dell’Udc in Sicilia, oltre che principali avversari del progetto moderato di Casini. Fortunatamente Maira ha parlato a titolo personale visto che noi siamo abituati alla democrazia interna ed alla collegialità delle scelte. Quando sara’ il momento parleremo di programmi e di alleanze”.    

 

Leave a Response